Cronaca Via Monte Bisbino

Dodici persone rimpatriate dopo un blitz al campo nomadi: ritrovati vari camper rubati

Si tratta per la gran parte - undici - di cittadini serbi. E un albanese. Erano pregiudicati

Il blitz

Dalle cinque del mattino alle quindici del pomeriggio. Tanto è durato il blitz degli agenti del Commissariato di Quarto Oggiaro - col supporto della polizia locale - nel campo nomadi di via Monte Bisbino. Durante quelle dieci ore, martedì, sono state controllate ottanta persone: delle quali sei sono state rimpatriate già nella giornata di mercoledì mentre altre sei sono state trasferite a Caltanissetta, in un centro espulsioni, in attesa di tutta la documentazione valida per l'espatrio.

VIDEO | L'operazione della polizia

video-80

Si tratta per la gran parte - undici - di cittadini serbi. E un albanese. Oltre ad avere precedenti penali, requisito indispensabile, erano tutti irregolari sul territorio italiano,

Ottenere il rimpatrio non è un risultato scontato perché "è necessario che i soggetti in questione siano in possesso di documenti per poterli identificare con certezza", come ha spiegato la vice dirigente dell'Ufficio immigrazione della Questura, Marina Andreotti, che ha collaborato con il Commissariato diretto da Antonio D'Urso. "Una volta rimpatriati - ha aggiunto - potranno fare ritorno in Italia solo dopo cinque anni. Altrimenti, potrebbero essere arrestati e rimpatriati di nuovo".

Un'altra complicazione, in casi come questi, è quella relativa ai novanta giorni di cui dispongono i cittadini serbi in Italia. Un lasso di tempo per permettere loro - che non hanno necessità del visto per entrare sul suolo nazionale - di regolarizzare la loro posizione sul territorio. 

Durante l'operazione di controllo nel campo rom - noto per essere un'area di transito per molti nomadi - sono stati ritrovati anche quattro camper rubati. Erano stati ri-targati ma il numero dei telai ha permesso con certezza l'individuazione. "Fondamentale, in questo caso, il supporto della polizia locale", ha spiegato D'Urso. Uno dei camper era stato rubato ad inizio maggio ad una famiglia milanese. "La proprietaria - spiegano dal Commissariato - era incredula. Ed ha ringraziato a lungo la polizia per averle 'restituito' le vacanze ai suoi due figli". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dodici persone rimpatriate dopo un blitz al campo nomadi: ritrovati vari camper rubati

MilanoToday è in caricamento