Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Atm gratis per over 65, intanto il centrodestra si prepara a dar battaglia

Scende a 65 anni (fermo restando un Isee sotto i 16mila euro) la soglia per l'abbonamento gratuito Atm. E tutti gli abbonamenti (mensili e annuali) non subiranno rincari

Pierfrancesco Maran ha annunciato che la giunta, nella riunione di stamattina, ha deciso di abbassare a 65 anni la soglia d'età oltre la quale l'abbonamento Atm sarà gratuito, rispondendo indirettamente alle accuse di non aver mantenuto una delle promesse elettorali che parlava, appunto, di esenzione sopra i 65 anni e non sopra i 70, come inizialmente stabilito dalla giunta.

Ma non solo: restano invariati tutti gli abbonamenti urbani: non solo gli annuali ma anche i mensili. Ed è confermata la trasformazione dell'abbonamento studenti per estenderlo a tutti gli under 26.

In questo contesto è da leggere anche l'azzeramento del vertice di Atm, deciso sempre stamattina da Pisapia. Il sindaco ha spiegato che uno dei motivi è il coinvolgimento di parte della struttura di Atm nella campagna di Letizia Moratti.

Ha spiegato Pisapia: "Ritengo anche grave, perché ha tolto risorse all'azienda, che alcune di queste risorse nel corso della campagna elettorale siano state coinvolte in modo esplicito e senza interventi di censura da parte del presidente, del cda o dei vertici aziendali, nella regia della campagna elettorale di chi, azionista, concorreva alla carica di sindaco della città, cioè l'ex sindaco di Milano".

"Dobbiamo dire grazie - ha spiegato Maran - all'assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino che ha messo a disposizione 500mila euro", sia per abbassare la soglia sia per dare l'abbonamento gratuito a fasce di disoccupati e cassintegrati.

Intanto però il centro-destra dà battaglia in piazza contro l'addizionale Irpef e l'aumento del biglietto Atm ordinario. "Non hanno ancora approvato - commenta Riccardo De Corato - la delibera che istituisce l'addizionale Irpef, che già questa mattina in Giunta Pisapia approva un'altra apina ai danni dei milanesi", riferendosi all'aumento del biglietto, ufficialmente deciso appunto dalla giunta nel corso della mattinata.

"Dal 1985 - prosegue De Corato - quando entrai in consiglio comunale nessuna giunta ha scaricato addosso ai milanesi una simile stangata che non è terminata, perché mancano all'appello diversi balzelli", con chiaro riferimento all'ipotesi di rivedere il catasto immobiliare e aumentare la Tarsu. "E' una rapina - conclude De Corato - nei confronti di ogni classe sociale della città".

Sul fronte opposto si fa sentire anche Anita Sonego, capogruppo di Sinistra per Pisapia - Federazione della Sinistra. "Abbiamo detto sì - spiega la Sonego - all'innalzamento dell'esenzione dall'addizionale Irpef a 33.500 euro anche per l'impegno preso a programmare per il 2012 interventi a sostegno delle fasce sociali più deboli".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atm gratis per over 65, intanto il centrodestra si prepara a dar battaglia

MilanoToday è in caricamento