Milano, scoperta la "boutique" del falso: sequestrati oltre mille abiti contraffatti

Gli abiti sequestrati in un negozio di Chinatown. Denunciata la titolare, una 38enne

Magliette, giacche, cappotti, vestiti. E ancora collane, bracciali, anelli e spille. Sono 1.166 i capi e gli accessori sequestrati dal nucleo antiabusivismo della polizia locale in un negozio in zona Paolo Sarpi, la cui titolare - una cinese di trentotto anni - è stata indagata per il reato di contraffazione.

I capi d’abbigliamento e gli accessori esposti per la vendita erano infatti con etichette e loghi contraffatti di alcuni tra i più famosi marchi di moda: da Chanel a Gucci passando per Moncler, Valentino, Louis Vuitton, Fendi, Burberry, Dior, Bulgari, Balenciaga, Hermès, Yves Saint Laurent, Kenzo, Moschino, Prada.

“Un’operazione importante – il commento della vicesindaco e assessore alla sicurezza, Anna Scavuzzo – che dà un ulteriore segnale di attenzione da parte del comune a esercenti e cittadini, a maggior ragione in un periodo di aumento degli acquisti come questo. Il settore della moda, dell'abbigliamento e della pelletteria è strategico: tuteliamo i compratori e le imprese oneste colpendo chi mette in commercio i falsi”.

Durante il blitz, avvenuto in borghese, i ghisa hanno trovato anche centinaia di etichette con i loghi dei marchi pronte per essere applicate agli abiti da mettere in vendita. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in piazza Oberdan: turista 20enne travolta e uccisa dal tram della linea 9

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • "Sono stata incastrata", la comandante della Locale pizzicata con la coca denuncia i carabinieri

  • Tram travolge un'auto, un taxi e un camion: tamponamento a catena in centro a Milano

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Milano, furto nella casa in centro: colpo grosso dei ladri nell'appartamento di una 23enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento