Cronaca Corvetto / Via Ravenna

Donna incinta coinvolta durante gli sgomberi di Corvetto perde il bambino

La donna aveva denunciato di aver ricevuto una manganellata durante gli scontri di martedì 18 novembre

Ha perso il bambino la donna che martedì 18 aveva denunciato ai cronisti di essere stata manganellata durante gli scontri scoppiati a seguito dello sgombero degli spazi occupati «Corvaccio squat» e «Rosa Nera» di via Ravenna, quartiere Corvetto di Milano.

La donna, 37enne romena e madre di altri figli, è stata ricoverata la notte scorsa presso la clinica Mangiagalli, dove ha partorito il bambino, ormai privo di vita. Era al sesto mese. Disoccupata da qualche mese, avrebbe detto di essere stata "manganellata" dalla polizia. Occupava abusivamente una casa in Corvetto.  

A seguito della segnalazione dell’ospedale il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, titolare delle inchieste sugli incidenti scoppiati durante e dopo gli sgomberi di case popolari e spazi sociali, ha disposto accertamenti sulla vicenda. 

Dalle prime informazioni trapelate, tuttavia, secondo i medici "non ci sarebbero segni di percosse".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna incinta coinvolta durante gli sgomberi di Corvetto perde il bambino

MilanoToday è in caricamento