menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Tentato omicidio in piazza Oberdan: abbraccia e accoltella l'amico durante una lite, arrestato

Le condizioni della vittima, un ragazzo di 26 anni, erano gravi ma adesso è fuori pericolo

Al suo 'amico', colpevole di essere intervenuto per cercare di calmarlo mentre stava aggredendo la propria compagna, hanno drenato quasi un litro di sangue da un polmone. La coltellata che gli ha piantato sulla schiena stava per ucciderlo. Ora lui, l'aggressore, è stato arrestato per tentato omicidio dagli agenti della Squadra Mobile di Milano, guidati da Lorenzo Bucossi. È della Repubblica Dominicana, ha 33 anni e in Italia viveva a Pioltello con suo figlio e la donna che quel giorno - domenica 18 - stava per malmenare davanti agli amici in piazza Oberdan a Milano.

I poliziotti della Sezione criminalità straniera, coordinati da Vittorio La Torre, sono arrivati a lui nel giro di pochi giorni grazie alle testimonianze di molti dei presenti. Quella sera, erano da poco passate le 21, i testimoni hanno mostrato il profilo Facebook dell'accoltellatore agli investigatori, arrivati insieme agli uomini delle Volanti e ai soccorritori del 118.

Le condizioni della vittima, un ragazzo dell'Ecuador di 26 anni, erano molto gravi anche se adesso è fuori pericolo. I medici del Policlinico lo avevano subito sottoposto ad un intervento salvavita perché la lama aveva perforato un polmone.

Quella domenica, stando alla ricostruzione della polizia, il gruppo di amici aveva trascorso tutto il pomeriggio a bere nei locali della zona, poi una lite per futili motivi tra la coppia aveva provocato l'intervento della vittima, per cercare di calmare gli animi. A quel punto, il 33enne avrebbe abbracciato il 26enne e nel frattempo lo avrebbe accoltellato sulla schiena. Altri due amici, un ragazzo e una ragazza di 22 anni, erano rimasti feriti leggermente alle mani.

Per individuare l'uomo con certezza, gli agenti hanno sottoposto la foto al Sistema di riconoscimento automatico delle immagini (Sari). Ha precedenti per reati contro la persona, violenza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e abbandono di minore ma non è in alcun modo legato a gang di latinos.  È stato arrestato nella sua abitazione con l'accusa di tentato omicidio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento