rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Cronaca Chinatown / Via Luigi Canonica

Accoltellato fuori da scuola per difendere il fratello: grave un 15enne

È successo in via Canonica a Milano nel pomeriggio di martedì 20 febbraio. Arrestato l'aggressore, è un ragazzino di 17 anni

Prima la discussione fuori da scuola, poi le coltellate alla fermata dell’autobus di via Canonica. Infine le manette per l’aggressore. È la sequenza degli eventi che nel pomeriggio di martedì 20 febbraio ha portato due ragazzini di 15 e 18 anni al Niguarda (rispettivamente con prognosi di 60 e 10 giorni) e un 17enne in carcere con la pesante accusa di tentato omicidio.

Tutto è iniziato al termine delle lezioni fuori da un istituto scolastico del centro di Milano. È lì che è nata la discussione tra l'arrestato e un compagno di classe di 18 anni. Litigio che si è protratto per diversi minuti, anche alla fermata dell’autobus di via Canonica. L’aggressione si è concretizzata mentre stava arrivando il bus, poco prima delle 14.30. Al culmine della lite il 17enne ha estratto un coltello e si è scagliato contro il compagno, ma anche contro il fratello più piccolo di quest’ultimo che era intervenuto per difenderlo. È stato lui a riportare le ferite più gravi: è stsato raggiunto da un fendente sotto l’ascella destra che gli ha perforato la parte esterna del polmone. Il più grande, invece, ha riportato alcune ferite giudicate guaribili in circa 10 giorni.

Il primo a soccorrere i due ragazzi è stato il padre, chiamato dal 18enne. È stato lui a caricare sul furgone il figlio 16enne per portarlo in ospedale. Proprio in quel frangente, tuttavia, è transitata in via Canonica una volante della polizia, subito fermata dall’uomo. “Mio figlio è stato accoltellato, aiutatemi”, ha detto agli agenti. Sul posto sono quindi arrivate due ambulanze e un’automedica. I due ragazzini sono stati trasportati al Niguarda. Il più grande è stato medicato e dimesso in serata, mentre il 16enne è stato operato d’urgenza per ridurre la ferita.

Contestualmente sono scattate le indagini. I detective di via Fatebenefratelli sono arrivati all’aggressore grazie alle testimonianze dei due ragazzi e ai social network. Poi è scattato il blitz a casa sua, in via Principe Eugenio (alle spalle del Monumentale). Lo hanno trovato dentro all’appartamento con ancora addosso i vestiti macchiati di sangue. Per lui sono scattate le manette. È stato arrestato e accompagnato nel carcere minorile Cesare Beccaria. Deve rispondere di tentato omicidio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoltellato fuori da scuola per difendere il fratello: grave un 15enne

MilanoToday è in caricamento