rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

"Militanti picchiati dagli agenti": la polizia non ci sta e risponde alle accuse sul corteo Ramelli

"La sicurezza non ammette libero arbitrio e deliri di onnipotenza, qualunque sia il colore"

“Migliaia di persone in un pacifico corteo per ricordare Sergio Ramelli (chi era) vengono malmenate dalla polizia in assetto antisommossa a Milano. Solidarietà ai manifestanti, fra cui sono presenti numerosi feriti. Presenterò un'interrogazione al ministro dell'Interno Matteo Salvini per chiedere chiarezza su questa gestione pessima dell'ordine pubblico”. A queste parole di Federico Mollicone, deputato di Fratelli d'Italia, risponde con forza il sindacato della polizia di stato con una nota.

Tensione alta tra la polizia e i manifestanti di estrema destra (Foto C. R. Guarino)

La reazione della polizia alle accuse di Fdi

“Dopo la manifestazione di lunedì sera a Milano - il commento di Valter Mazzetti, segretario generale dell’Fsp polizia di Stato - assistiamo con sgomento e profonda indignazione all’ennesima assurda contestazione dell’operato delle forze di polizia che svolgono il proprio lavoro con responsabilità, competenza, professionalità e serietà. Contestazioni che sfociano nella farneticazione laddove qualcuno afferma addirittura che i poliziotti hanno malmenato i manifestanti inermi senza motivo. Affermazioni gravissime arrivate nientemeno che da un Deputato della Repubblica, che ci auguriamo vivamente venga chiamato a risponderne nelle opportune sedi. Si gioca con l’immagine e la dignità di donne e uomini in uniforme con una superficialità sconcertante”.

La cronaca del corteo 'nero' a Milano

Nel corso della serata organizzata in memoria di Sergio Ramelli, alcuni militanti di estrema destra si sono staccati dal sit-in tentando di far partire un corteo, con ciò violando il divieto imposto dal prefetto Renato Saccone. La situazione è degenerata in alcuni tafferugli e i poliziotti sono stati costretti ad eseguire due cariche di alleggerimento, durante le quali due agenti e due manifestanti sono rimasti lievemente feriti.

Azioni per cui la Procura di Milano ha aperto un’indagine per manifestazione fascista e manifestazione non autorizzata, mentre da alcuni si sono levate proteste per presunti abusi della polizia, come quella del deputato Mollicone.

Video: saluti romani al corteo per Ramelli

"Svolgere servizi di ordine pubblico in queste continue manifestazioni in cui il poliziotto è puntualmente bersaglio di violenze gratuite a prescindere è già abbastanza sfiancante, snervante e logorante – aggiunge Mazzetti – senza che si debba anche puntualmente fare i conti con le deliranti accuse di chi non potrà mai risultare credibile, perché affermare che i poliziotti non abbiano di meglio da fare che picchiare pacifici manifestanti è davvero troppo".

"Meglio sarebbe comprendere bene e fino in fondo che le prescrizioni dettate per la sicurezza pubblica devono essere rispettate, e che non c’è spazio per liberi arbitri o deliri di onnipotenza di chi pensa di stare un metro sopra al resto del mondo, qualunque sia il colore politico che ne accende un tale fanatismo da spingerlo a forzare un cordone di poliziotti che svolgono un servizio per la comunità, cioè per tutti, deliranti compresi", conclude il segretario generale Fsp. 

Saluti romani per Sergio Ramelli-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Militanti picchiati dagli agenti": la polizia non ci sta e risponde alle accuse sul corteo Ramelli

MilanoToday è in caricamento