Cronaca

Poliziotto sottoposto a test per omosessualità: arriva il risarcimento di 12mila euro

L'agente era stato "giudicato" da una commissione medico ospedaliera a Milano

Un lungo calvario. È stato risarcito con 12.762 euro dal ministero della Giustizia l'agente di polizia penitenziaria che, all'epoca in cui prestava servizio nel carcere di Vercelli, era stato sottoposto ad accertamenti di carattere psicologico con domande attinenti al suo orientamento sessuale e in particolare a una presunta omosessualità. L'iniziativa arriva dopo la sentenza di condanna del dicastero pronunciata dal Tar del Piemonte e passata in giudicato nelle scorse settimane. 

L'agente era in servizio alla casa circondariale di Vercelli quando aveva dovuto rispondere prima a una serie di domande chiaramente "ambigue" circa il suo orientamento sessuale, poi aveva subito un procedimento disciplinare, totalmente archiviato, ed era stato addirittura inviato per accertamenti sulla personalità presso una commissione medica ospedaliera a Milano.

Il poliziotto si era quindi rivolto al sindacato Osapp, organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria, denunciando anche lo stato di isolamento subito per mesi nella sede penitenziaria di Vercelli, soprattutto durante i pasti nei locali della mensa di servizio e il continuo ricevere insulti, come "frocio". Per tali motivi si era reso necessario fornirgli assistenza legale e morale, ma stando a quanto riferito dallo stesso sindacato, ben oltre il risarcimento ricevuto, permane la gravità di accuse "ingiuste, anacronistiche e degne di un clima da Santa inquisizione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poliziotto sottoposto a test per omosessualità: arriva il risarcimento di 12mila euro
MilanoToday è in caricamento