menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'accoltellamento (B&V Photographers)

Il luogo dell'accoltellamento (B&V Photographers)

Milano, pugnalato in strada con un coltello lungo 30 centimetri: fermato l'aggressore

È successo all'angolo tra via Morgantini e via Civitali nella serata di sabato 27 luglio

Una profonda ferita al torace, a pochi centimetri dal cuore. Un coltello da cucina lungo 32 centimetri trovato sotto a un'auto insieme a una maglietta zuppa di sangue. E poi un uomo di 32 anni ricoverato in prognosi riservata al Niguarda (piantonato dalla polizia) e un altro, un 26enne, fermato con la pesante accusa di tentato omicidio. Sono gli elementi di una brutale aggressione avvenuta a Milano all'angolo tra via Morgantini e via Civitali nella serata di sabato 27 luglio. E la polizia non ha nessun dubbio: ad accoltellare il 32enne, cittadino marocchino irregolare in Italia, sarebbe stato il 26enne, suo connazionale e anche lui irregolare.

    La lite e le coltellate: l'aggressione in via Morgantini

    Tutto è accaduto intorno alle 22.30 quando una residente ha chiamato le forze dell'ordine notando tre persone che stavano litigando animatamente. In pochi attimi la situazione è degenerata: il 26enne — secondo quanto ricostruito dalla polizia — avrebbe estratto il coltello e avrebbe sferrato il fendente.

    Il coltello si è conficcato nel torace dell'uomo, a pochi centimetri dal cuore. Tutto questo sotto gli occhi di un'altra persona che, sempre secondo la ricostruzione degli investigatori, avrebbe cercato di dividere i due.

    Le condizioni del 32enne sono subito apparse gravi, tanto che la centrale operativa del 118 aveva inviato sul posto un'ambulanza e un'automedica in codice rosso. Stabilizzato dai sanitari è stato trasportato a sirene spiegate all'ospedale di Niguarda dove è stato operato d'urgenza nel cuore della notte. Attualmente è ricoverato in ospedale, piantonato dagli agenti. E la prognosi è riservata.

    Il presunto aggressore, invece, sarebbe stato notato dagli agenti mentre cercava di nascondere sotto una macchina l'arma e una maglietta zuppa di sangue. Il coltellaccio, lungo 32 centimetri, è stato sequestrato. Non ci sarebbe nessuna traccia, invece, dell'uomo che avrebbe cercato di dividere i due: sarebbe scappato facendo perdere le sue tracce. 

    Sul caso indaga la Questura

    Per il momento non è chiaro perché vittima e aggressore stessero discutendo. Sul caso stanno indagando gli agenti della Questura di Milano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Come sarà il nuovo piazzale Loreto

Ultime di Oggi
  • Salone del Mobile

    Stefano Boeri curerà il Salone del Mobile 2021: "Sarà imperdibile"

  • Attualità

    Come sarà il nuovo piazzale Loreto

  • Cronaca

    Fabrizio Corona dai domiciliari lancia uno shop di cannabis light

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento