Cronaca

"Hai consigliato a mia moglie di lasciarmi": e la picchia selvaggiamente

E' successo a Vigevano. L'uomo, già condannato per lesioni e maltrattamenti con pena sospesa, ha incrociato un'amica dell'ex moglie per la strada e l'ha ridotta in fin di vita

Arrestato l'aggressore

Lasciato dalla moglie, affronta un'amica di lei, incontrata per caso in strada, e la colpisce con una catena per legare le biciclette fino a farla stramazzare al suolo. E' successo nel primo pomeriggio di lunedì 12 maggio a Vigevano, in via della Gioia. Protagonisti un peruviano di 35 anni e una connazionale di 50.

L'uomo stava percorrendo la strada in bicicletta. La zona è quella della residenza dell'ex moglie. Possibile, quindi, che non si stesse aggirando lì per caso. Quando ha incontrato - pare per caso - l'amica dell'ex moglie, non ha resistito e l'ha apostrofata accusandola di essere la principale responsabile della fine del suo matrimonio: "Sei tu che le hai consigliato di lasciarmi!", le avrebbe urlato. Poi, sceso dalla bici, ha preso la catena e ha colpito violentemente e più volte la donna, fino a farla quasi svenire per terra.

L'ha lasciata lì, sanguinante, e inforcata la bicicletta è fuggito. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, i carabinieri e la polizia locale. La vittima è stata soccorsa in ospedale: aveva cinque ferite alla testa (due nella parte posteriore, una all'orecchio destro, una al labbro e una al naso). Secondo il medico legale, soltanto la copertura cerata della catena le ha salvato la vita.

L'aggressore è stato sorpreso in casa sua nella serata di lunedì. Probabilmente si stava cambiando d'abito per cercare di sparire senza lasciare tracce. Fermato con l'accusa di tentato omicidio, è stato portato in carcere per l'evidente pericolo di fuga. L'uomo, nel dicembre 2012, era stato condannato per maltrattamenti in famiglia e lesioni nei confronti dell'ex moglie. La pena era stata sospesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hai consigliato a mia moglie di lasciarmi": e la picchia selvaggiamente

MilanoToday è in caricamento