Cronaca

Carcere Beccaria, agente della penitenziaria preso a pugni in faccia da un ragazzino: ferito

È successo nella giornata di mercoledì. Il sindacato: "Situazione fuori controllo"

Immagine repertorio

Un agente della polizia penitenziaria è stato aggredito da un giovane detenuto. È successo nella giornata di mercoledì 7 febbraio nel carcere minorile Cesare Beccaria di Milano, come riportato in una nota diramata dal sindacato di categoria Sinappe.

L'agente, secondo quanto ricostruito nel comunicato, sarebbe stato preso a pugni in faccia da un ragazzino di origini nordafricane. Un'aggressione violenta, tanto che la guardia è dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso.

"Una situazione fuori controllo da troppo tempo — denuncia Pasquale Baiano, coordinatore nazionale Sinappe — nonostante tutti i gridi di allarme lanciati ininterrottamente Il personale è esausto di continue vessazioni ed essere vittimizzati da episodi che compromettono seriamente l’ordine, la sicurezza e l’incolumità fisica. I detenuti — conclude — continuano ad avere una condotta tracotante ed iraconda e sempre meno avvezzi al rispetto delle regole penitenziarie".

"Da tempo chiediamo una seria riorganizzazione del lavoro e dei servizi — aggiunge Giuseppe Merola, esponente del Sinappe — ma le nostre richieste continuano ad essere inascoltate".

È l'ultima di una serie di aggressioni: lo scorso 31 dicembre, sempre all'interno del Beccaria, un agente di 49 anni fu accoltellato al braccio da un detenuto che stava cercando di evadere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere Beccaria, agente della penitenziaria preso a pugni in faccia da un ragazzino: ferito

MilanoToday è in caricamento