Air Italy, riunione al ministero del Lavoro sul futuro di tutti i dipendenti della compagnia

La compagnia aerea impiegava 1.453 lavoratori di cui un migliaio in Lombardia

Martedì primo settembre si torna a parlare de problemi occupazionali lasciati dalla chiusura di Air Italy. Il ministero del Lavoro, a quanto si apprende, ha convocato per le 14,30 una riunione in videoconferenza per discutere gli aspetti occupazionali nella vertenza Air Italy. Saranno presenti anche rappresentanti del Mit, del Mise, delle Regioni Lombardia e Sardegna oltre all’azienda e ai sindacati.

La compagnia aerea impiegava 1.453 lavoratori di cui un migliaio in Lombardia: a Malpensa, in particolare, operavano 260 lavoratori del personale di terra, 483 assistenti di volo e 190 comandanti e piloti. A Linate, invece, sono operativi quattro addetti di terra. Per i dipendenti si era stato avviato il licenziamento collettivo a marzo ma poi a maggio era stata diffusa una notizia che aveva ridato un po' di speranza al personale: la possibilità della cassa integrazione.

Air Italy aveva confermato per fine maggio e inizio giugno la cessazione di ogni attività con il completamento delle operazioni di rimborso e di riprotezione dei passeggeri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento