Cronaca

Al Jazeera gira video a Palazzo Marino, psicosi attentati tra i politici: "Non erano autorizzati"

Tutto il centrodestra attacca Sumaya, esponente del Pd che è stata intervistata dalla tv araba

L'attentato a Londra, cui ha fatto riferimento Cobelli - Foto Today.it

Un’intervista rilasciata all’interno del palazzo che ospita i gruppi consiliari del comune. Una troupe di Al Jazeera che, così, riesce ad entrare in un luogo comunque sensibile di Milano. E la paura, evidentemente tanta, che quelle immagini possano essere usate da altri per scopi ben diversi. 

È psicosi attentati e terrorismo tra i consiglieri di Milano, soprattutto quelli di opposizione, che venerdì hanno sollevato il caso “Al Jazeera a palazzo Marino”. 

Tutto è nato a causa di alcune immagini che la tv araba ha girato all’interno degli uffici di via Marino 7 - sede appunto dei gruppi consiliari - per un’intervista alla consigliera del Pd, musulmana, Sumaya. 

“Si ritiene, a garanzia dell'incolumità dei dipendenti del Comune, che i luoghi di lavoro non debbano essere utilizzati per finalità di propaganda politica”, ha detto subito Mauro Cobelli, segretario aziendale Cisl fp Milano Metropoli, tra i primi ad infuocare la polemica. Lo stesso Cobelli, poi, ha fatto riferimento alla recente strage di Londra, dove il 52enne Masood ha ucciso quattro persone - tra cui un poliziotto - durante l’attacco a Westminster. “Le riprese televisive in questione - ha accusato il sindacalista - potrebbero esporre i lavoratori a ulteriori rischi, ancora più attuali dopo il recentissimo attentato terroristico di Londra”

Ne ha fatto una questione di sicurezza anche Gianluca Comazzi, capogruppo di Forza Italia. “L’ufficio competente sulle autorizzazioni, cioè quello del gabinetto del sindaco, non ne sapeva nulla - ha attaccato il consigliere -. Tra l’altro, per le riprese l’emittente avrebbe dovuto pagare 444 euro, cosa che non mi risulta sia avvenuta. Depositerò un’interrogazione per sapere come mai nessun gruppo consiliare sia stato avvisato delle presenza della televisione e mi chiedo chi abbia dato l’autorizzazione. Chiedo inoltre che aumentino i controlli e che in via Marino 7 ci sia un presidio della polizia locale”. 

A fargli eco è stato il suo vice, De Chirico. “La sede dei gruppi consiliari non è affatto sicura - ha detto -. Oltre a chiedermi come mai non siano stati avvisati né i lavoratori né i consiglieri delle riprese effettuate da Al Jazeera, mi domando che uso saranno fatte delle immagini. Sono certo che il presidente Bertolè e l'assessore Rozza non tarderanno a tranquillizzarci, ma vorrei sapere come sia stato possibile autorizzare una troupe televisiva vista in tutto il Medio Oriente e anche in Italia a fare riprese di un luogo sensibile, dove si trovano gruppi consiliari apertamente contro l'islamizzazione dell'Occidente e l'edificazione di una Moschea in città”. 

“Per agevolare ipotetici fondamentalisti - ha aggiunto, con sarcasmo - vogliamo rendere pubbliche anche le piantine dei piani con l'indicazione di dove si trovano, ad esempio, gli uffici di Salvini? Dopo l'episodio l'intensificazione dei controlli di palazzo di via Marino 7 non può più essere rimandata”. 
 
Altro partito, Lega Nord, altro attacco. “In un momento come quello in cui viviamo attualmente - il j’accusa del leghista Massimiliano Bastoni -, fare entrare in uno stabile comunale senza la necessaria autorizzazione esponenti di una tv molto vicina al terrorismo islamico e consentirgli di fare riprese dei luoghi interni mi pare quanto mai demenziale, pericoloso e inopportuno”. 

A calmare gli animi, anche se sembra essere servito a poco, ci ha provato la stessa Sumaya. “Voglio rassicurare i consiglieri dell'opposizione allarmati dai giornalisti di Al Jazeera - ha scritto in una nota -. Non andrà in onda alcuna immagine degli spazi comuni ai gruppi politici né sono stati ripresi dipendenti comunali. L'intervista che ho rilasciato è stata registrata all'interno degli uffici del gruppo del Pd. Ho chiesto espressamente alla troupe - ha concluso - di non trasmettere immagini che potessero rendere riconoscibile il palazzo comunale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Jazeera gira video a Palazzo Marino, psicosi attentati tra i politici: "Non erano autorizzati"

MilanoToday è in caricamento