rotate-mobile
Cronaca

Vigili del fuoco ancora al lavoro dopo il nubifragio. Sala: "Stato di emergenza"

Alle 6.30 del mattino di sabato al comando di via Messina risultavano una quarantina di interventi in coda

Non si ferma il lavoro dei vigili del fuoco. A quattro giorni dal nubifragio che ha cambiato volto a Milano, sono ancora moltissimi gli interventi in città. Intanto il sindaco Beppe Sala ha chiesto lo stato di emergenza.

Alle 6.30 di sabato mattina, al comando di via Messina risultavano una quarantina di interventi in coda, quasi tutti nel capoluogo lombardo, con un'esigua minoranza da effettuare nei comuni dell'hinterland. I vigili del fuoco stanno accorrendo soprattutto per alberi pericolanti, ma in alcuni casi lavorano anche alla messa in sicurezza di antenne e tegole dei tetti.

Nel frattempo, il primo cittadino ha annunciato di aver chiesto lo stato di emergenza, inoltrando la richiesta al governatore lombardo Attilio Fontana, il quale già nei giorni scorsi aveva inviato al governo l'atto per riconoscerlo e in questo modo riuscire a fare fronte agli ingenti danni che il maltempo ha provocato a colture e strutture produttive. Secondo Fontana, Palazzo Chigi sarebbe "molto sensibile alle nostre richieste, ha dato la massima disponibilità. Per cui siamo molto fiduciosi".

Beppe Sala difende l'operato della sua giunta dalle critiche dell'opposizione, che punta il dito contro una scarsa manutenzione del verde che sarebbe in parte responsabile della caduta degli alberi. "Questa violenza, il vento a 104 chilometri all’ora non si era mai visto e certamente io non ne avevo avuto avviso", ha detto il primo cittadino. Il sindaco punta inoltre il dito contro i negazionisti del cambiamento climatico che sono al governo, sottolineando che "è evidente che c’è una sottovalutazione". Il suo auspicio, comunque, è che Milano possa tornare alla normalità entro agosto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del fuoco ancora al lavoro dopo il nubifragio. Sala: "Stato di emergenza"

MilanoToday è in caricamento