menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alberto Stasi, foto Ansa

Alberto Stasi, foto Ansa

Omicidio di Garlasco, l'ex bocconiano Alberto Stasi chiede revisione della sentenza

La difesa: "Trovati argomenti decisivi"

Ha chiesto la revisione della sentenza Alberto Stasi, l'ex bocconiano condannato a 16 anni di carcere per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, uccisa il 13 agosto 2007 a Garlasco, Pavia. La difesa ha depositato un'istanza di revisione della sentenza per provare a riaprire il caso.

"Senza entrare nel merito dei contenuti dell'istanza - ha detto all'Adnkronos Laura Panciroli, legale di Stasi dallo scorso dicembre - posso dire che abbiamo scelto argomenti nuovi, mai valutati prima, e a nostro avviso decisivi e seri". 

Garlasco, Stasi chiede la revisione della sentenza: "È stata una forzatura"

"Quella sentenza - ha spiegato Panciroli - è stata una forzatura, censurabile sotto tanti punti di vista. Nel tempo si sono aperti nuovi scenari, noi ci siamo concentrati su quelli più argomentabili". Si attende ora l'eventuale ammissibilità della richiesta da parte della corte di Appello di Brescia. "Siamo sereni rispetto alla valutazione della corte", ha concluso l'avvocato. 

L'avvocato della famiglia Poggi: "Un suo diritto chiedere la revisione"

"È chiaramente suo diritto insistere con tutte le revisioni che vuole - ha commentato l'avvocato Gian Luigi Tizzoni, legale della famiglia Poggi, raggiunto da Askanews -. Questo nuovo difensore subentra dopo che una quarantina di giudici, un centinaio tra consulenti e periti e i precedenti difensori di Stasi evidentemente a suo dire non hanno visto elementi essenziali".

Il legale della famiglia ha poi evidenziato che "non è assolutamente vero che le condanne di Stasi siano intervenute sugli stessi elementi per i quali era stato assolto in precedenza".

Il precedente

Già a maggio del 2017 Stasi aveva chiesto l'annullamento con rinvio della sentenza d'appello contestando un "errore di fatto" commesso dai giudici relativo alla mancata ammissione di prove dichiarative nel processo d'appello-bis. Un ricorso poi bocciato dalla Cassazione che confermò la condanna all'ex bocconiano. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento