menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alessandra Appiano

Alessandra Appiano

Prosegue l'indagine sulla morte di Alessandra Appiano: no all'archiviazione

Il pm aveva presentato richiesta di archiviazione ma il gip l'ha rigettata: sotto la lente d'ingrandimento l'eventuale negligenza della struttura in cui era ricoverata

E' stata respinta la richiesta di archiviazione, avanzata dal pubblico ministero, sul caso della morte della scrittrice e giornalista Alessandra Appiano, scomparsa il 3 giugno del 2018. La donna era ricoverata in una struttura specializzata in disturbi dell'umore, ma chiese e ottenne di allontanarsi per un caffè. Raggiunse l'ottavo piano di un albergo dello stesso quartiere e si gettò nel vuoto. 

Qualche giorno dopo il decesso, la procura di Milano aprì un fascicolo d'indagine (senza indagati e senza ipotesi di reato) per approfondire i dettagli della vicenda e capire se vi fossero responsabilità. Poi la richiesta di archiviazione del pubblico ministero, a cui s'è opposto il marito della scrittrice (insignita dell'Ambrogino d'Oro nel 2013). 

Ipotesi di negligenza della struttura

Ora il gip Patrizia Nobile ha deciso di respingere l'archiviazione e di disporre, quindi, un supplemento d'indagine. Dovrà quindi essere approfondita la posizione della struttura che ospitava la Appiano per capire se vi sia stata una negligenza nell'attenzione e nella protezione della paziente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    La Lombardia vuole il tampone salivare per tutti

  • Coronavirus

    Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento