Blocca l'aggressore del militare in Centrale: leghista chiede l'Ambrogino per il migrante

Samba Diagne ha braccato insieme ai carabinieri l'uomo che ha pugnalato il militare

Samba Diagne (foto da Facebook)

"L’eroismo non ha colore né nazionalità, chiederò in consiglio comunale che sia conferito riconoscimento a Samba Diagne, il cittadino senegalese che ha bloccato il simpatizzante islamista che ha ferito il soldato in piazza Duca d’Aosta". Lo ha dichiarato il consigliere comunale e regionale della Lega Massimiliano Bastoni dopo che è emersa l'identità del migrante eroe: un senegalese di 52 anni in Italia con un permesso di soggiorno illimitato.

Militare pugnalato in centrale: l'intervento del migrante eroe

Tutto è accaduto un attimo dopo le 10.45: Diagne era uscito dalla metropolitana della Stazione Centrale e stava andando al mercato di via Benedetto Marcello per comprare vestiti per i suoi cinque figli che vivono in Senegal. In un batter d'occhio si è trovato di fronte un uomo, Mahamad Fathe, con in mano un paio di forbici mentre colpiva un soldato. Lui non ci ha pensato due volte: ha visto che vicino a un palo c'era una catena di una bicicletta che avevano rubato, l'ha sfilata e ha colpito sulla spalla il 23enne. Un colpo secco, che lo ha fatto stramazzare al suolo. Proprio in quegli attimi, secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, aveva urlato la frase "Allah akbar".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Militare pugnalato in Centrale: il video dell'aggressione

Le indagini proseguono serrate

Non è ancora chiaro se Mahamad Fathe sia legato a qualche cellula terroristica. E gli inquirenti stanno procedendo con i piedi di piombo, anche perché — secondo quanto trapelato durante l'interrogatorio poco dopo il fatto — l'uomo è apparso come un disadattato, isolato e spaesato. Per escludere ogni dubbio, comunque, il pool antiterrorismo di Milano, guidato dal pm Alberto Nobili, sta passando al setaccio lo smartphone del giovane. Gli inquirenti stanno cercando eventuali video o immagini che possano provare o meno un certo livello di radicalizzazione religiosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Coprifuoco in Lombardia: così a Milano torna di 'moda' l'autocertificazione per circolare

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia, raddoppiano i contagi: 4.126 in un giorno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento