rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Cusano Milanino

Amianto sul tetto: cinque mesi di ritardo sulla bonifica

Il cartello per l'avvio ai lavori reca la data del 4 luglio 2011, ma il cantiere è ancora in allestimento e non sembra che gli inquilini Aler li vedranno partire a breve

Gli era stato detto che prima di Natale i lavori sarebbero iniziati, ma gli inquilini delle case Aler del complesso Montegrappa-Stelvio non hanno ancora visto scendere le lastre di amianto dai loro palazzi. I condomini non avevano avuto molto fiducia fin dall’inizio, anche quando avevano visto i camion trasportare l’attrezzatura per lo sgombero e arrivare i vari macchinari necessari alle operazioni di pulitura dal materiale velenoso.

La stessa Aler aveva rassicurato dicendo che i lavori sarebbero partiti prima di natale visto che i soldi c’erano, l’approvazione ai progetti e i permessi dell’asl pure, ma a quanto pare non c’erano gli allacciamenti al quadro elettrico della gru. Gli stessi operai hanno confermato come adesso stiano allestendo il cantiere, ma che i lavori inizieranno solamente con l’anno nuovo.

Il ritardo però inizia ad essere veramente troppo: cinque mesi sul primo avviso d’inizio attività rispetto al cartello applicato all’impalcatura, che reca la data 4 luglio 2011. Gli interventi richiesti dagli inquilini sui palazzi sono molti: la ripulitura dai pannelli di eternit, perdite d’acqua con allagamento del cortile e chiusura dei manicotti antincendio, canne fumarie ostruite dagli escrementi di piccione nel complesso Montegrappa 12 e infiltrazione nelle facciate.

Per ora è stato solo pulito il tetto dall’ondulina, per un costo complessivo di 436.137,96 euro. Gli inquilini però sono stanchi, e continuano a chiamare gli uffici Aler a Sesto per dei chiarimenti: sperano almeno che con l'Epifania le lastre di amianto siano rimosse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amianto sul tetto: cinque mesi di ritardo sulla bonifica

MilanoToday è in caricamento