Amianto negli stabilimenti dell'Alfa Romeo di Arese: assolti tutti gli ex vertici Fiat

Assolti l'ex ad di Fiat Auto Paolo Cantarella, per l'ex presidente Fiat Giorgio Garuzzo, per l'ex presidente di Lancia Industriale Pietro Fusaro e per altri due ex ad di Alfa Romeo

Repertorio

Tutti assolti anche in appello a Milano gli ex vertici ed ex manager di Fiat, Alfa Romeo e Lancia, imputati per una quindicina di casi di operai morti per forme tumorali provocate dall'esposizione all'amianto negli stabilimenti dell'Alfa Romeo di Arese.

I giudici lunedì hanno confermato l'assoluzione decisa dal Tribunale per l'ex ad di Fiat Auto Paolo Cantarella, per l'ex presidente Fiat Giorgio Garuzzo, per l'ex presidente di Lancia Industriale Pietro Fusaro e per altri due ex ad di Alfa Romeo.

Il primo grado

Erano accusati di omicidio colposo per circa 15 operai morti di tumore tra gli anni '70 e gli anni '90. I manager sono stati assolti in primo grado perché non era stato possibile dare per certa la correlazione tra l'amianto presente nello stabilimento e i decessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • "Raffiche di vento fino a 75 chilometri orari": a Milano scatta l'allerta meteo gialla

  • Milano, uomo si spoglia su un tram in pieno giorno e tenta di violentare una studentessa

Torna su
MilanoToday è in caricamento