Amianto negli stabilimenti dell'Alfa Romeo di Arese: assolti tutti gli ex vertici Fiat

Assolti l'ex ad di Fiat Auto Paolo Cantarella, per l'ex presidente Fiat Giorgio Garuzzo, per l'ex presidente di Lancia Industriale Pietro Fusaro e per altri due ex ad di Alfa Romeo

Repertorio

Tutti assolti anche in appello a Milano gli ex vertici ed ex manager di Fiat, Alfa Romeo e Lancia, imputati per una quindicina di casi di operai morti per forme tumorali provocate dall'esposizione all'amianto negli stabilimenti dell'Alfa Romeo di Arese.

I giudici lunedì hanno confermato l'assoluzione decisa dal Tribunale per l'ex ad di Fiat Auto Paolo Cantarella, per l'ex presidente Fiat Giorgio Garuzzo, per l'ex presidente di Lancia Industriale Pietro Fusaro e per altri due ex ad di Alfa Romeo.

Il primo grado

Erano accusati di omicidio colposo per circa 15 operai morti di tumore tra gli anni '70 e gli anni '90. I manager sono stati assolti in primo grado perché non era stato possibile dare per certa la correlazione tra l'amianto presente nello stabilimento e i decessi.

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel?

  • Buono, fresco, colorato: ecco dove mangiare dell'ottimo poke a Milano

  • Come pulire le porte di casa

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

I più letti della settimana

  • Trovato morto Stefano Marinoni, il 22enne di Baranzate scomparso dal 4 luglio: la tragedia

  • Paura per il ciclista 16enne Lorenzo Gobbo: infilzato da un legno, polmone perforato. Foto

  • Milano, una notte di fuoco in via Palmanova: furioso incendio nel centro commerciale. Foto

  • Sciopero nazionale dei trasporti in arrivo: a Milano a rischio metro, bus, tram, treni e taxi

  • Incidente in corso Genova Milano: ferite due ragazze di 18 e 19 anni, tram deviati in centro

  • Omicidio a Sesto: uomo in carrozzina uccide la moglie con il poggiapiedi della sedia a rotelle

Torna su
MilanoToday è in caricamento