Milano, follia in comune: si rifiuta di indossare la mascherina e prende a pugni un'impiegata

È successo nell'ufficio anagrafe di via Larga, nei guai un 54enne con problemi psichici

L'anagrafe di via Larga

È entrato negli uffici dell'anagrafe senza mascherina e ha tirato un pugno in faccia all'impiegata che gli aveva chiesto di indossarla. L'epilogo? Una denuncia. È successo nella tarda mattinata di lunedì 2 novembre in via Larga a Milano (pieno centro), nei guai un italiano di 54 anni.

L'uomo è stato prontamente  fermato dall'agente di polizia locale in servizio presso l'anagrafe, contro cui ha nuovamente reagito. Piazza Beccaria ha inviato due pattuglie di supporto che hanno aiutato il ghisa a fermare il 54enne. 

L'uomo, incensurato e con problemi psichiatrici, è stato bloccato e portato in stato di fermo al pronto soccorso del policlinico e poi negli uffici della polizia locale per l'identificazione e la successiva denuncia a piede libero. La dipendente comunale, invece, ha rifiutato Goni cura del 118.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento