rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Spacciava in centro a Milano: arrestato ingegnere 36enne

L'uomo ha 36 anni e spacciava cocaina e marijuana perchè "la sua azienda è in crisi". In casa sua trovate anche delle pistole

A volte l'apparenza inganna. Un uomo di 36 anni, ingegnere e socio di un'azienda milanese, ha tentato di far passare inosservata la sua attività di ripiego: lo spacciatore. Si chiama Andrea B. 

Così gli agenti di polizia del Commissariato Centro hanno arrestato l'imprenditore che da qualche tempo aveva deciso di rifornire di droga una clientela selezionata nel centro di Milano.

Sono stati sequestrati sei chili di hashish, circa 150 grammi di cocaina e due pistole di cui una munita di silenziatore.

L'uomo, incensurato, è stato fermato il 7 agosto, verso le 19, in via Quasimodo: si aggirava in modo sospetto per le vie del centro con la sua auto, un'utilitaria, scambiando poche parole durante rapide soste con le persone che incontrava per strada. 

Agli inquirenti ha detto di aver iniziato a spacciare "perchè l'azienda di famiglia aveva grossi problemi" e "di non percepire uno stipendio da tre anni". 

Per il possesso di armi, invece, ha detto "che non erano sue". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciava in centro a Milano: arrestato ingegnere 36enne

MilanoToday è in caricamento