rotate-mobile
La scoperta

La casa di riposo degli orrori: anziani maltrattati e umiliati

I carabinieri del Nas di Milano sono intervenuti in una struttura a Pavia

Quattro operatrici di una casa per anziani nel Pavese e il titolare sono stati posti ai domiciliari per maltrattamenti pluriaggravati nei confronti degli ospiti. Le indagini sono state eseguite dai carabinieri del Nas di Milano, coordinati dalla procura di Pavia.

Gli anziani - spiega la procura - erano vittime di ingiurie, urla e mortificazioni tali da far subire loro "un clima di costante subordinazione e umiliazione". La casa è stata chiusa dal Nas su disposizione dal pubblico ministero Giuliana Rizza che ha ottenuto la "sospensione temporanea dell'esercizio di attività professionali relative ai servizi assistenziali alla persona". L'inchiesta ha consentito anche di riscontrare "un totale disinteresse per l'alimentazione, la sicurezza alimentare, l'igiene, la vigilanza e le necessità mediche degli alloggiati".

L'operazione è il risultato di articolate indagini sia tradizionali che tecnico captative, che hanno consentito di evidenziare, nel periodo a cavallo dei mesi estivi del 2022, sistematici e quotidiani maltrattamenti nei confronti degli anziani, tra l'altro alcuni non propriamente autosufficienti come invece avrebbero dovuto, per quel tipo di struttura residenziale. Contestualmente all'esecuzione delle misure cautelari, che è avvenuta con il supporto dell'arma territoriale, i carabinieri del Nas di Milano, insieme all'autorità sanitaria competente, hanno affidando, alle rispettive famiglie, gli anziani che si trovavano ancora ospiti della nominata struttura. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La casa di riposo degli orrori: anziani maltrattati e umiliati

MilanoToday è in caricamento