Apre il Cpr di via Corelli: già pronta la protesta contro la piccola Guantanamo di Milano

La rete 'Mai più lager - No Cpr' convoca per il 2 ottobre un presidio in Prefettura

Il Cpr

"Il Centro di permanenza per i rimpatri di via Corelli apre oggi (lunedì 28 settembre, ndr) nel silenzio assoluto della Giunta di Milano e del sindaco Beppe Sala". A dare la notizia dell'inaugurazione è Rifondazione Comunista che insieme agli attivisti della rete 'Mai più lager - No Cpr' da due anni si battono contro quella che più volte hanno definito "la piccola Guantanamo di Milano".

Gli stessi che per venerdì 2 ottobre hanno convocato un presidio alle 18.30 davanti alla Prefettura. "Tutto il resto tace. La Milano senza muri - scrivono - vedrà così quello altissimo e invalicabile del Cpr dietro il quale cessano anche i diritti più elementari: contatti con l'esterno, possibilità di comunicare, tutela della vita e della salute".

Un centro riservato a chi non ha commesso reati

"Nemmeno a chi ha commesso i peggiori reati sono riservate condizioni di detenzione così dure. Nel centro di via Corelli - spiegano gli attivisti - saranno rinchiuse persone che non hanno un documento in regola e non hanno commesso reati". È il ministero dell'Interno l'incaricato di gestire il Cpr ma il Comune e il sindaco Beppe Sala possono comunque fare pressione politica per abolire i decreti sicurezza di Salvini e impedire l'apertura di strutture come quella aperta in via Corelli.

"Questa macchia - l'avvertimento dei cittadini che non ci stanno - peserà su chi nei prossimi mesi ci chiederà il voto antifascista, si proporrà come modello di accoglienza e argine alle destre. In piena continuità con le politiche razziste di Matteo Salvini la ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha dato il suo assenso a questo scempio".

"Noi saremo - conclude la nota - in piazza venerdì 2 ottobre e chiamiamo tutte e tutti a battersi perché questo obbrobrio giuridico umano non veda la luce. Né a Milano né altrove".

In Italia ottenere lo status di rifugiato è diventato più complicato con i decreti Salvini. Un discorso che vale per i migranti che arrivano via mare e per gli stranieri che a un certo punto perdono il posto di lavoro e incontrano quindi difficoltà nel rinnovo dei permessi di soggiorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Sciopero generale, venerdì nero dei mezzi a Milano: a rischio metro, bus, tram e treni. Tutti gli orari

  • Coprifuoco in Lombardia: così a Milano torna di 'moda' l'autocertificazione per circolare

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia, raddoppiano i contagi: 4.126 in un giorno

  • Coronavirus, coprifuoco a Milano e in Lombardia dalle 23 alle 5: c'è l'ok del Governo

  • Milano, il nuovo Dpcm contro il coronavirus: ristoranti, palestre e 'coprifuoco alle 21'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento