menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un frame del servizio de Le Iene

Un frame del servizio de Le Iene

Quattro agenti della polizia locale di Milano sono stati arrestati

In manette quattro ghisa, altri tre indagati. Sono tutti del nucleo anti spaccio

Ghisa in manette. Martedì mattina quattro agenti della polizia locale di Milano sono stati sottoposti agli arresti domiciliari dopo essere stati fermati dai loro stessi colleghi e dalla polizia. 

I provvedimenti restrittivi - si legge in una nota congiunta di piazza Beccaria e via Fatebenefratelli - "sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari, Guido Salvini, su richiesta del procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e del sostituto procuratore Elio Ramondini, avendo ritenuto i destinatari della misura responsabili a diverso titolo dei reati di peculato, abuso d'ufficio nonché falso ideologico e materiale commessi dal pubblico ufficiale". 

Le indagini sono nate a ottobre scorso dopo un servizio mandato in onda da "Le Iene", che mostrava rapporti di complicità tra gli spacciatori e i quattro agenti, in servizio proprio al nucleo anti droga. Tanto che i reati di abuso d'ufficio e falso ideologico sono aggravati "dalla finalità di occultare un altro reato e di assicurarsi il profitto, il prodotto e l'impunità nonché favorite dalla dolosa induzione in errore dell'ufficiale di polizia giudiziaria responsabile dell'intero Nucleo".

"Nel corso di quei servizi sono state raccolte le testimonianze di alcuni cittadini italiani e stranieri che hanno dichiarato di essere stati vittime di condotte poste in essere, in violazione delle norme di legge, dagli operatori del nucleo contrasto stupefacenti in occasione dell'espletamento di attività di polizia giudiziaria. In particolare, dalle loro dichiarazioni è stato delineato un sistema invalso all'interno del gruppo finalizzato a sottrarre importanti somme di denaro nel corso delle attività di perquisizione finalizzate alla ricerca di droga. In un caso le informazioni rese dalla vittima sono state supportate anche da documentazione audio-video", evidenziano polizia e Locale.

In sostanza, secondo quanto riferito dalle vittime e poi dimostrato dall'inchiesta, gli agenti avrebbero trattenuto parte dei soldi e della droga che venivano sequestrati durante i blitz. I quattro, che erano già stati destinati ad altri incarichi, sono stati arrestati al termine delle indagini. Altri tre colleghi sono indagati per gli stessi reati. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento