'Ladri cannibali' depredavano le moto di grossa cilindrata: arrestati

I malviventi erano specializzati anche nella falsificazione e nella manomissione dei numeri seriali identificativi

I risultati della 'cannibalizzazione' delle moto

Si occupavano di 'cannibalizzare' moto prestigiose di grossa cilindrata dopo averle rubate. È quanto hanno scoperto i carabinieri della Compagnia di Riccione al termine di un'indagine sui furti di motociclette. Tre i componenti della banda - un 44enne, un 51enne e un 30enne, tutti della provincia di Rimini -, che operavano anche nel Milanese, oltre che a Rimini stessa e nelle province limitrofre. Ora i malviventi dovranno rispondere di furto, riciclaggio e ricettazione in concorso.

Perquisendo le abitazioni e i garage di proprietà dei tre malviventi, i militari hanno ritrovato centinaia  di pezzi di motociclette fatte a pezzi, provento di numerosissimi furti avvenuti nei mesi scorsi. Un vero e proprio fortino formato da motori, centraline, pneumatici, scocche, selle, serbatoi e telai ma anche due motociclette assemblate con alcuni ricambi di provenienza illecita. Il tutto delle marche più prestigiose, come Ducati, Suzuki, Kawasaki e Yamaha.

Secondo quanto emerso dalle indagini dell'Arma i tre, oltre a far sparire e smembrare le moto, si occupavano di rivendere i pezzi su Internet nei siti dedicati all'usato e nelle officine specializzate. Qui i pezzi venivano acquistati dai titolari, ignari rispetto della loro provenienza illecita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La banda, oltre a detenere materiale provento di furto, era specializzata nella falsificazione e nella manomissione dei numeri seriali identificativi delle parti asportate dai mezzi, attività grazie alle quale poteva mettere in commercio i materiali - avendone resa la provenienza intracciabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Milano, "blitz" del maltempo: attesi temporali forti, scatta l'allerta della protezione civile

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Milano, ragazza molestata fuori dall'ospedale: un 23enne arrestato per violenza sessuale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento