Cronaca

Milano, padre e figlio arrestati per terrorismo

In manette sono finiti un 51enne e un 23enne. La moglie e madre dei due è stata rimpatriata

Il giovane, latitante in Siria, con la bandiera dell'Isis

"Associazione con finalità di terrorismo". È l'accusa, pesantissima, a cui devono rispondere padre e figlio: due cittadini egiziani di cinquantuno e ventitré anni.

Il 53enne è stato arrestato all'alba di venerdì 26 gennaio dagli agenti della Digos di Milano e di Como, che lo hanno raggiunto nella sua abitazione in provincia di Como. Il 23enne, invece, è latitante in Siria, dove starebbe combattendo.

Nei guai, stando alle primissime informazioni fornite dalla Questura di Milano, è finita anche la moglie e madre dei due, una cittadina marocchina di quarantacinque anni. La signora, con un provvedimento firmato dal ministero dell'Interno, è stata rimpatriata per "motivi di sicurezza pubblica".

Secondo quanto si apprende, il padre negli anni '90 è stato mujaheddin in Bosnia, dove nel 1994 è nato il figlio. In alcune intercettazioni il 51enne si dichiarava orgoglioso del figlio maggiore, combattente in Siria, e dispiaciuto per il minore, che frequenta ragazze occidentali. Addirittura, per questo motivo lo definiva "un cane". L'uomo ha anche una terza figlia. 

L'ultima persona a finire in manette con l'accusa di terrorismo era stata, lo scorso 24 dicembre, una trentacinquenne marocchina naturalizzata italiana. La donna, che era scappata in Siria con i figli per arruolarsi con l'Isis, era stata fermata dalla Digos di Milano all'aeroporto di Malpensa, dove era appena atterrata per tornare in Europa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, padre e figlio arrestati per terrorismo

MilanoToday è in caricamento