rotate-mobile
Cronaca Montenapoleone / Via della Spiga

Rapina gioielleria in via della Spiga, la polizia ha arrestato altre 4 persone

Il 5 febbraio 2011 i banditi entrarono vestiti da vigili con il volto coperto da baffi e nasi finti; armati di pistole immobilizzarono i quattro dipendenti alle sedie, legando loro ai piedi del finto esplosivo

Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita, martedì mattina, dalla polizia, a Milano, nell' ambito delle indagini sulla rapina alla gioielleria 'Scavia', che fruttò oltre 9 milioni di euro e per la quale sono state arrestate già 13 persone.

L'ordinanza, emessa dal gip del Tribunale di Milano, ha portato all'arresto di quattro uomini, accusati a vario titolo di rapina aggravata, sequestro di persona, porto abusivo d'armi e ricettazione in merito al colpo avvenuto in via della Spiga, nel cosiddetto Quadrilatero della Moda, il 5 febbraio 2011.

Per quello stesso 'colpo grosso' il 23 maggio scorso erano state arrestate 13 persone, e il 21 settembre successivo era stata emessa una misura patrimoniale preventiva per 10 milioni di euro nei confronti di vari beni delle persone coinvolte. Il 5 febbraio 2011, poco prima delle 9, i banditi entrarono vestiti da vigili con il volto coperto da baffi e nasi finti; armati di pistole immobilizzarono i quattro dipendenti alle sedie, legando loro ai piedi del finto esplosivo.

Per eliminare ogni tentativo di reazione avevano mostrato la foto della moglie di uno di essi dicendogli: "Sappiamo dove abiti e ti facciamo saltare in aria la casa". In mezz'ora svuotarono la gioielleria e cancellarono i video di sorveglianza, scappando in una via della Spiga deserta con gioielli per milioni di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina gioielleria in via della Spiga, la polizia ha arrestato altre 4 persone

MilanoToday è in caricamento