Preso il pusher con la bancarella al boschetto: eroina e cocaina in esposizione per i clienti

L'uomo, un algerino, è stato arrestato dalla polizia. Giovedì fermato anche un suo "collega"

Il bosco della droga

Aveva creato una sorta di bancarella. Aveva trasformato un vecchio piumino in un bancone per i clienti, che lì decisamente non mancano. Ma proprio la sua "sfrontatezza" lo ha tradito. 

Un uomo di trentanove anni - un cittadino algerino in Italia dal 1999 e con precedenti per furto, droga e resistenza - è stato arrestato venerdì scorso con l'accusa di spaccio dagli agenti della VI sezione della Squadra Mobile di Milano. 

I poliziotti, passando da via Sant'Arialdo - la strada più comoda per accedere al boschetto della droga di Rogoredo -, hanno notato la presenza di numerosi tossicodipendenti e così sono andati a vedere di persona. Arrivati sulla montagnetta hanno visto la "bancarella" del 39enne, con eroina e cocaina in bella vista. A quel punto per l'uomo - che aveva 10 grammi di "coca" e altri dieci di eroina - non c'è stata possibilità di fuga. 

Arrestato lo spacciatore truffatore

La stessa sorte giovedì è toccata a un suo "collega": un 34enne nordafricano - non è ancora chiaro se sia tunisino o algerino perché è stato schedato in passato con diversi alias - che spaccia sempre all'interno del boschetto, nella stessa zona. 

Alla vista degli agenti l'uomo è fuggito e ha cercato di disfarsi della droga - trentatré grammi di eroina e sette di cocaina -, ma è stato bloccato e arrestato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A suo carico è emerso anche un ordine di custodia cautelare in carcere del tribunale di Milano per una vecchia indagine della polizia locale. Il 34enne - che è in Italia dal 2009 - era stato infatti ritenuto il responsabile di diverse truffe messe a segno al distributore di benzina Tamoil di via Cassinis. Il pusher, stando a quanto avevano ricostruito i ghisa, andava lì di notte, indossava una tuta da benzinaio, manometteva la macchinetta automatica e quindi si faceva consegnare i soldi dagli ignari automobilisti, per poi sparire col bottino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Coronavirus e coprifuoco Milano e Lombardia: si possono comprare alcolici ai supermercati dopo le 18

  • Lombardia, nuova ordinanza: confermato il coprifuoco, recepite le regole del Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento