Milano, arrestato uno dei capi ultrà dell'Inter: filmato prima e dopo gli scontri del derby

In manette Andrea Beretta: era al derby nonostante due Daspo in corso. L'accaduto

Le immagini delle telecamere lo posizionano lì. I frame dei video dimostrano che era lì prima e dopo i momenti più concitati di quella sera. Ma lì, fuori dal Meazza, lui non doveva e poteva esserci perché sta scontando due Daspo che finiranno tra poco meno di tre anni

Andrea Beretta, 45 anni, riconosciuto come uno dei leader storici della curva Nord nerazzurra, i due Daspo se li è "guadagnati" nel 2017, quando secondo gli investigatori aveva preso parte ai tafferugli prima di Inter-Roma e Inter-Atalanta a San Siro.

La presenza al Baretto

Domenica sera, quando al Meazza era in programma il derby - poi vinto dall'Inter per 4-2 -, Beretta non ha resistito al "richiamo" ed è tornato fuori dal Baretto, nonostante sia obbligato a stare lontano dallo stadio nelle tre ore precedenti e successive alle partite dei nerazzurri. 

Prima della gara è anche andato in commissariato per tenere fede all'obbligo di firma, dovuto proprio ai Daspo, ma poi si sarebbe presentato davanti al locale accanto al varco 1 che negli anni è diventata la casa degli ultras interisti. 

Gli scontri pre derby

Gli agenti della Digos lo hanno riconosciuto chiaramente analizzando i filmati sui momenti di tensione registrati prima del derby, quando circa 200 tifosi avevano lanciato bottiglie di vetro e petardi contro le forze dell'ordine, che alla fine avevano reagito con una carica

Quella sera era finito in manette un ragazzo di 28 anni. Il giovane - un tifoso del Nizza, curva storicamente gemellata con la Nord, tanto che era presente anche al tragico Inter-Napoli della morte di Daniele Belardinelli - deve rispondere dell'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e per lui lunedì è scattato un Daspo di tre anni valido in tutti i paesi dell'Unione Europea. 

Arrestato al lavoro

Per Beretta - che anni fa era stato condannato per aver picchiato e accoltellato un ghanese al grido di "negro di mer..." -, lunedì sono invece scattate le manette per violazione agli obblighi imposti dal Daspo. I poliziotti della Digos sono certi che fosse al Baretto, e quindi al Meazza, due ore prima dei tafferugli - "esplosi" verso le 19.30 - e pochi attimi dopo. Non è chiara, invece, la sua partecipazione agli scontri.

Gli agenti lo hanno fermato mentre si trovava sul suo posto di lavoro e lo hanno arrestato con lo strumento della "flagranza differita", che consente la cattura entro 48 ore dai fatti a seguito dell'analisi delle immagini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultrà è stato processato per direttissima martedì: il giudice ha convalidato l'arresto, ma non ha disposto misure cautelari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento