Cronaca

Arrestato Rognoni, ex dg di Infrastrutture Lombarde

Si era dimesso a gennaio. Con lui agli arresti il capo ufficio gare e appalti

Arrestato Antonio Giulio Rognoni, ex direttore generale di Infrastrutture Lombarde (il "braccio" della Regione per gli appalti delle infrastrutture tra cui Expo), insieme a Pierpaolo Perez, capo ufficio gare e appalti della stessa società. L'operazione è stata effettuata dalla guardia di finanza di Milano.

I due sono accusati di associazione a delinquere, turbativa d'asta (per l'appalto della "piastra" di Expo 2015), truffa alla regione e falso. Rognoni, ingegnere, classe 1960, si era dimesso dalla carica nel gennaio 2014.

In tutto sono stati otto gli arresti. Si sospettano illecite modalità di affidamenti esterni di incarichi nella consulenza legale e nei controlli degli appalti, dal 2008 al 2014. Oltre a Rognoni e Perez, ai domiciliari un ingegnere, un dirigente e quattro avvocati.

L'inchiesta è scaturita dalla denuncia di un imprenditore che si è ritenuto danneggiato da un appalto. Infrastrutture Lombarde ha in previsione investimenti per 11 milioni in vista di Expo 2015.

REAZIONI - Roberto Maroni, presidente della Lombardia, si è detto stupito dell'arresto di Rognoni, di cui ha affermato di avere stima per la competenza dimostrata, e ha auspicato che dimostri la sua estraneità anche nell'interesse della regione. Alessandro Alfieri (Pd) chiede invece che Maroni riferisca in consiglio regionale già nella prima seduta utile, quella di martedì 25 marzo. Umberto Ambrosoli (capo dell'opposizione in consiglio regionale) invita a maggiori controlli e a rendere trasparente il bilancio di Infrastrutture Lombarde. Il Movimento 5 Stelle infine chiede il blocco cautelativo di tutte le opere in mano a Infrastrutture Lombarde.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato Rognoni, ex dg di Infrastrutture Lombarde

MilanoToday è in caricamento