rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Arrestato noto gallerista: sul suo pc materiale pedopornografico

Aveva archiviato più di 1.250 fotografie e diversi video che ritraevano bambini in pose erotiche o in atteggiamenti di autoerotismo sadico. E' finito in manette con l'accusa di pedofilia Francesco Tadini

E' stato arrestato dalla Squadra Mobile di Milano e su di lui pende l'accusa pesante di pedofilia. Così, dopo mesi di indagini è finito in manette Francesco Tadini, titolare della galleria d'arte Spazio Tadini e figlio del defunto pittore Emilio. L'uomo, 50 anni, è accusato di avere avuto rapporti sessuali con una minorenne in cambio di 500 euro. Il 50enne non ha negato, ma ha detto che la ragazza era maggiorenne all'epoca dei fatti, che risalirebbero al 21 dicembre scorso. La giovane, invece, avrebbe 16 anni e il gallerista l'avrebbe incontrata in via Vincenzo Russo, a Milano.

Tadini aveva anche cercato di avere incontri con bambine di 3 anni e di 10 anni, tramite contatti telefonici con alcuni soggetti, incontri che però non ci sono mai stati. Sul suo computer, gli investigatori hanno trovato circa 1.250 fotografie di contenuto pedopornografico, oltre a molti video. Le immagini ritraggono bambini in pose erotiche, in atti di autoerotismo sadico e in tentativi di sevizie, legati con le funi o torturati.

L'uomo si è giustificato dicendo di archiviare i file per interesse culturale, riguardo al disagio e alle sacche di povertà sociali. A carico dell'uomo, però, ci sarebbero numerose intercettazioni telefoniche.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato noto gallerista: sul suo pc materiale pedopornografico

MilanoToday è in caricamento