Falsario ricercato in tutta Europa "beccato" in hotel: tradito dall'alert dell'albergo milanese

In manette un 43enne, ricercato per una condanna a 1 anno e 3 mesi di reclusione

Incastrato dal suo nome e cognome. Un uomo di 43 anni, un cittadino romeno nato in Moldavia, è stato arrestato martedì pomeriggio a Gorgonzola, nel Milanese, pochi minuti dopo essersi registrato in una struttura alberghiera di via Emilia Romagna, accanto alla Padana Superiore. 

I guai per il 43enne sono iniziati quando ha consegnato alla reception i documenti per prendere possesso della stanza. Quando il dipendente dell'hotel ha inserito i dati, infatti, in automatico è scattato un "alert alloggiati", un sistema che segnala alle forze dell'ordine la presenza negli hotel di eventuali ricercati. 

A quel punto, sul posto è intervenuta una Volante, che ha prelevato l'ospite e lo ha accompagnato in Questura a Milano. È servito poco tempo agli agenti per scoprire che l'uomo era effettivamente destinatario di un mandato di arresto europeo spiccato dalle autorità romene. Nel suo Paese, infatti, il 43enne è stato condannato per "uso di atto falso" e "falsificazione di documenti" e deve scontare un anno e tre mesi di carcere. Il falsario è stato quindi portato nel carcere di San Vittore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento