menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Tribunale

Il Tribunale

Arrestato ingiustamente per 5 mesi chiede maxi risarcimento

E' stato rinchiuso per cinque mesi in carcere con l'accusa di aver spacciato una dose di eroina che ha provocato la morte di un tossicodipendente. Ora vuole la somma di 500mila euro

E' stato rinchiuso per cinque mesi in carcere con l'accusa di aver spacciato una dose di eroina che ha provocato la morte di un tossicodipendente. Poi nel corso del processo, come spiegato dalla difesa, è emerso che lui quel giorno stava semplicemente rientrando a casa dal lavoro e che, sfortunatamente, in quel percorso il suo telefono aveva agganciato una cella ''compatibile'' con il luogo dello spaccio.

Così l'uomo, un egiziano di 30 anni, è stato assolto con formula piena e scarcerato e, assistito dal suo legale, ha fatto ricorso alla quinta sezione penale della Corte d'Appello di Milano per chiedere che gli venga riconosciuta, a titolo di risarcimento per ''ingiusta detenzione'', la somma di 500mila euro.

Lunedì, davanti al collegio (giudice relatore Paolo Torti), si è discussa la ''domanda di riparazione per ingiusta detenzione'' presentata dall'avvocato Mauro Straini, legale dell'egiziano, assolto il 2 marzo 2010 dopo essere finito in carcere il 3 ottobre 2009 ''per un totale di 150 giorni''. I giudici della quinta sezione d'appello si sono riservati di decidere sulla richiesta che lo Stato risarcisca l'egiziano con mezzo milione di euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento