menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gregorio, foto da Instagram

Gregorio, foto da Instagram

Droga, soldi e bilancini di precisione in casa: arrestato modello dei grandi marchi a Milano

In manette il 25enne Gregorio Crappa, che ha sfilato per numerose grandi griffe in città. La difesa: "Uso personale"

Dalle passerelle alla cella. Gregorio Crappa, modello 24enne originario di Biella, è stato arrestato il 30 dicembre scorso a Milano dalla polizia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Stando a quanto reso noto dalla Questura giovedì 2 gennaio, a casa del ragazzo - che vive nella nuova zona di NoLo - sono stati trovati 21 grammi di marijuana, 250 euro e due bilancini di precisione, segno inequivocabile - secondo gli investigatori - che quella droga doveva essere venduta in dosi. 

I poliziotti del commissariato Villa San Giovanni avevano ricevuto segnalazioni di uno strano viavai dall'appartamento del ragazzo, che - come mostrano le foto sui suoi profili social - ha sfilato per alcuni dei più grandi marchi della moda internazionale. Così, il 30 dicembre gli agenti hanno improvvisato un blitz e nell'abitazione hanno trovato droga e soldi. 

Il modello, che secondo la Questura ha precedenti sempre per droga, dovrà ora affrontare le accuse in tribunale. 

La difesa: "Uso personale"

Ilaria Urzini, avvocato del modello, in una nota nega che la droga rinvenuta "fosse per spaccio", bensì "per uso personale". Sempre secondo la difesa, i bilancini "servivano a misurare le proteine in polvere" per il regime alimentare del 24enne, mentre i contanti "erano proventi personali" del modello. La difesa, inoltre, nega che vi sia stato "alcun viavai" nel suo appartamento. 

"A seguito dell'interrogatorio di garanzia il Sig. Crappa è stato immediatamente scarcerato non essendo stata applicata nei suoi confronti alcuna misura cautelare e il processo rinviato per la definizione del merito - ha fatto sapere la legale -. La fase che si è svolta in data 31 dicembre 2019 riguardava infatti esclusivamente la decisione relativa alla misura cautelare di un soggetto che apparentemente aveva violato la legge per il possesso di una quantità di stupefacente superiore a quanto stabilito per legge per un uso penalmente irrilevante".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento