Lite per la casa: uomo (armato) distrugge porte e scrivanie in Municipio, arrestato

L'uomo, un 68enne, aveva con sé anche un coltello da cucina. È stato arrestato dalla polizia


È andato su tutte le furie mentre cercava di completare le pratiche per richiedere una casa popolare. E così, senza pensarci due volte, ha deciso di distruggere tutto ciò che ha trovato sotto mano. E, alla fine, è stato arrestato. 

In manette è finito un uomo di 68 anni, un cittadino italiano con precedenti, che deve rispondere dell'accusa di danneggiamento aggravato dopo aver seminato il panico negli uffici del Municipio 3 di Milano in via Tommaso Pini, in zona Lambrate. 

Stando a quanto riferito dalla polizia, i problemi sono iniziati verso le 9.20, quando il 68enne ha avuto una discussione con uno degli impiegati mentre provava a ultimare tutti gli atti necessari per ottenere un alloggio. Dalle parole all'esplosione di rabbia il passo è stato brevissimo: l'uomo ha impugnato una mazza di ferro e si è scagliato contro le porte e le scrivanie. Quando i poliziotti lo hanno fermato, hanno scoperto che con sé aveva anche un coltello da cucina. Per lui si sono aperte le porte del carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento