menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Segrate, operaio tradito dall'app "YouPol": oltre un chilo di droga nel borsone del calcetto

In manette un trentenne italiano. La polizia è arrivata a lui grazie a una segnalazione

La segnalazione parlava di un cittadino italiano che, con ogni probabilità, muoveva importanti quantitativi di droga. E in effetti, hanno accertato i poliziotti, la realtà era proprio quella. 

Un uomo di trenta anni, operaio di una ditta di Segrate che si occupa di logistica, è stato arrestato martedì pomeriggio dagli agenti della VI sezione della Squadra Mobile - guidati dal dirigente Massimiliano Mazzali - con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Gli investigatori sono arrivati a lui grazie a un messaggio ricevuto sull'app Youpol, l'applicazione della polizia di Stato nata per raccogliere segnalazioni su episodi di spaccio e bullismo. Gli agenti, analizzato il nome del potenziale pusher - che ha precedenti - hanno deciso di approfondire e lo hanno fermato appena uscito da lavoro. In quel momento, il 30enne è risultato pulito, ma la perquisizione a casa sua a Zelo Buon Persico, nel lodigiano, ha dato esito decisamente diverso. 

Nel borsone per il calcetto, che era nel locale lavanderia, i poliziotti hanno infatti trovato un chilo e duecento grammi di marijuana, mentre altri 150 grammi di hashish sono stati trovati su un mobile nel soggiorno. Gli agenti, che a quel punto lo hanno arrestato, hanno messo le mani anche su duemila euro in contanti. 

La stessa sorte, nella giornata di sabato, è invece toccata a due cittadini della Guinea di trentatré e ventisette anni. Il più giovane è stato fermato sempre dagli uomini della VI sezione in via dei Transiti mentre cedeva una dose di cocaina a un giovane italiano. 

In un appartamento di via Rovereto, dove il ragazzo viveva con il 33enne, gli agenti hanno poi scoperto altri dodici grammi di "coca". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento