Cronaca

'Ndrangheta: sequestrati beni per 3 milioni ad un prestanome

Operazione dei carabinieri di Milano che ha portato alla luce un giro di estorsioni legate ad ambienti della criminalità organizzata

Nell'operazione dei carabinieri di Milano che ha portato alla luce un giro di estorsioni legate ad ambienti della criminalità organizzata, è rimasto coinvolto anche un pluripregiudicato 60enne, M.D., originario di Vibo Valentia, ritenuto un prestanome della cosca Mancuso di Limbadi (Vibo Valenza).

L'uomo, secondo le accuse "tramite intestazioni fittizie gestiva immobili e terreni riconducibili alle attività illecite poste in essere dall'organizzazione mafiosa".

All'interessato è stata applicata la misura della sorveglianza speciale e sono stati sequestrati, ai fini della confisca, su disposizione del Tribunale di Milano, 3 villette, 2 capannoni industriali, 10 appartamenti e 13 terreni agricoli ubicati nei Comuni di Cuggiono, Boffalora Ticino, Renate Ticino, Castano Primo e Robecchetto con Induno. Il valore complessivo dei beni in sequestro supera i tre milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta: sequestrati beni per 3 milioni ad un prestanome

MilanoToday è in caricamento