Dalla Lombardia al Friuli Venezia Giulia per i colpi nelle concessionarie: presa la banda

In manette due uomini, altri due indagati. Le indagini nate dopo un furto a Pordenone

Da Milano e Monza a Pordenone, andata e ritorno. E con il bottino. Un uomo è stato arrestato, un secondo è ricercato e altri due sono indagati in un'operazione condotta dalla polizia di Stato della Questura di Pordenone perché ritenuti parte di una banda specializzata in furti nei concessionari d'auto. 

Nei guai sono finiti tre cittadini moldavi e uno ucraino, tutti residenti in Lombardia. Gli agenti del capoluogo meneghino e brianzolo, all'alba di mercoledì, hanno eseguito un arresto e due decreti di perquisizione, a carico degli indagati. 

Le attività investigative hanno avuto inizio la notte del 16 settembre scorso, quando alcuni ladri, dopo aver danneggiato la recinzione esterna, si erano introdotti in una concessionaria di Pordenone da dove avevano portato via cruscotti e componentistiche d'auto per un valore complessivo di circa 15mila euro. A entrare in azione, hanno poi accertato investigatori e inquirenti, era stata proprio la banda lombarda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento