Cronaca

Rapinatore inseguito lancia sassi contro carabinieri al metrò di Gessate

L'uomo è stato alla fine arrestato

Repertorio

Ha tentato di rubare un computer portatile e poi, in seguito ad una rocambolesca fuga, è stato catturato dai carabinieri non prima di avere cambiato alcuni capi d'abbigliamento sperando così di non essere notato.

Tutto è iniziato a Bellinzago Lombardo, all'Unieuro dentro il centro commerciale La Corte Lombarda. Erano le tre del pomeriggio del 6 febbraio: l'uomo ha tentato di portare via un pc da 1.500 euro ma la vigilanza interna lo ha notato e messo in fuga. I carabinieri della stazione di Gorgonzola lo hanno localizzato a bordo di un autobus. Il fuggitivo è sceso dal mezzo in prossimità del capolinea della metropolitana a Gessate.

Qui è avvenuto il cambio d'abiti, che però non è stato sufficiente a far perdere le sue tracce. Ancora inseguito dai carabinieri ha attraversato i binari del metrò lanciando alcune pietre verso i militari; infine, ha trovato rifugio in uno stabile di Gessate dove però è stato individuato e catturato. 

Si tratta di un pregiudicato di 34 anni, di cittadinanza marocchina: risponde di rapina impropria. Nella mattinata del 7 febbraio si è svolto il rito direttissimo e il marocchino è stato sottoposto alla custodia cautelare in carcere a San Vittore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinatore inseguito lancia sassi contro carabinieri al metrò di Gessate

MilanoToday è in caricamento