Cronaca Chinatown / Via Paolo Sarpi

Uccide "l'amico”, gli ruba 448mila euro in contanti e va al casinò: arrestata una 37enne

In manette è finita una cinese di trentasette anni, accusata dell'omicidio di un connazionale

I carabinieri sul luogo dell'omicidio

Si era presentata a quell’appuntamento un’ora prima. Una borsa con gli abiti puliti, per cercare di non essere riconoscibile, e l’arma - una pistola calibro 7.65 - in borsa. Quindi, portato a termine il suo compito, era scappata verso l’estero, anche - ma non solo - per spendere parte del suo bottino. 

Non è sfuggita ai carabinieri, però, Xu Linghua - trentasettenne cinese, da nove anni in Italia -, arrestata perché ritenuta responsabile dell’omicidio di Xue Chengziang, il trentasettenne ucciso lo scorso 30 novembre nella sua abitazione di via Paolo Sarpi a Milano

Video | Omicidio a Chinatown: presa la killer

carabinieri via sarpi-3

Quella mattina, secondo quanto ricostruito dai militari, vittima e carnefice si erano incontrati perché la killer avrebbe voluto in prestito dall’uomo - titolare di un piccolo money transfer abusivo - circa 400mila euro. 

Il colloquio tra i due, stando alle indagini, era durato circa due ore. Poi, con ferocia e freddezza, Xu Linghua avrebbe

freddato il trentaduenne con un colpo di pistola in pieno petto, sparato da distanza ravvicinata. Quindi, afferrati 480mila euro in contanti, si sarebbe cambiata e con un taxi sarebbe tornate a casa sua, in via Iacopino da Tradate. 

Quello stesso pomeriggio, come mostrato dalle celle telefoniche, si sarebbe poi recata all’estero - in Slovenia - dove sarebbe rimasta fino al 20 dicembre, frequentando diversi casinò. 

L’unico punto che resta da chiarire, ora, è se la donna abbia speso tutti i soldi al gioco o se parte del bottino sia stato usato per altre attività. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide "l'amico”, gli ruba 448mila euro in contanti e va al casinò: arrestata una 37enne

MilanoToday è in caricamento