rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Cronaca

Assalto al portavalori sull'A4: bloccata l'autostrada

È successo al confine tra il Piemonte e la Lombardia all'alba di lunedì 4 dicembre. Sul caso indaga la polizia

Due camion di traverso in autostrada. Poi un commando armato che spara nel buio (fortunatamente senza colpire nessuno). Infine la fuga. Senza fermarsi. Una banda ha tentato di rapinare un furgone portavalori - che trasportava oro - sull'autostrada A4 all'alba di lunedì 4 dicembre. L'assalto è fallito e il commando, dopo essere scappato, ha fatto perdere le tracce. Sul caso sono in corso indagini da parte della squadra mobile di Torino, coordinati dalla procura di Novara.

Tutto è accaduto intorno alle 6.30 all'altezza di Galliate (Novara), poco distante dal confine tra Piemonte e Lombardia sulla carreggiata in direzione Torino. L'assalto, più nel dettaglio, è avvenuto nei pressi di un cantiere stradale (dunque dove la carreggiata è già ristretta). La banda - non è ancora chiaro da quante persone era composta - ha cercato di bloccare la corsa del furgone portavalori mettendo di traverso due mezzi pesanti. Il conducente del blindato, tuttavia, è riuscito a superare il blocco; successivamente ha imboccato l'uscita di Novara Est ed è entrato direttamente nella sottosezione della Polstrada di Novara.

portavalori_assalto_autostrada

I banditi sono scappati in direzione Milano a bordo di tre auto e per evitare di essere inseguiti hanno gettato chiodi sull'asfalto. Le tre macchine utilizzate durante la prima parte della fuga sono state abbandonate e incendiate all'altezza del ponte sul Ticino, letteralmente all'altezza tra Lombardia e Piemonte. È quasi certo che i malviventi abbiano effettuato un "cambio d'auto": potrebbero essere saliti a bordo di altri veicoli nel tentativo di far perdere le loro tracce. Qualche elemento utile alle indagini, tuttavia, potrebbe arrivare dalle telecamere a circuito chiuso installate lungo l'arteria stradale.

L'autostrada è stata chiusa al traffico in entrambe le direzioni. Verso Milano è stata chiusa nel tratto tra Novara Ovest (Biandrate) fino a Marcallo Mesero. L’altra carreggiata, che è quella non interessata, da Novara Est a Marcallo.

Sul luogo della rapina sono intervenuti gli agenti della polizia scientifica di Novara insieme alla Polstrada; le indagini, coordinate dalla procura di Novara, sono tate affidate ai detective della squadra mobile di Torino guidati dal dottor Vincenzo Saponara.

auto_bruciate-3

I precedenti

Il 2 novembre un assalto simile è avvenuto a Settala dove un commando aveva assaltato un magazzino in cui erano custoditi 14 bancali di iPhone. In quel caso i banditi, circa una decina, sono riusciti a portare via i pallet del valore di oltre un milione di euro.

A fine giugno un colpo molto simile era avvenuto alla Esprinet di Cambiago, azienda che si occupa di logistica, soprattutto di materiale tecnologico, e già finita nel mirino in passato. La banda aveva posizionato quattro auto rubate all'uscita degli svincoli autostradali della zona e aveva bruciato i mezzi per poi spargere sull'asfalto bande chiodate. A quel punto il gruppo era entrato in azione buttando giù il cancello della ditta con un furgone per guadagnarsi una via d'accesso.

A rovinare i loro piani era stato però un vigilante, che stava sorvegliando il magazzino ed era immediatamente intervenuto. La guardia aveva sparato contro i malviventi - almeno nove i colpi esplosi -, che si erano subito allontanati a bordo di due macchine, senza bottino. L'addetto alla sicurezza - un italiano di 53 anni - era rimasto lievemente ferito ed era stato accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale di Vimercate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assalto al portavalori sull'A4: bloccata l'autostrada

MilanoToday è in caricamento