Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Cenisio Monumentale / Via Monviso

Oltre mille milanesi fanno la città più bella: e l’assessore imbratta un’auto in divieto

Grande partecipazione per "Facciamola pulita", la mobilitazione indetta dal comune per ripulire le mura delle scuole cittadine. E la Rozza imbratta un'auto in divieto di sosta. Le foto

La Rozza imbratta l'auto - Foto postata su Facebook dal deputato Paolo Grimoldi

Tante mura più pulite. Tante scuole rimesse a nuovo. Ma una macchina, un’Audi grigia - almeno fino a sabato -, un po’ più sporca di prima. 

Giornata di forte coinvolgimento popolare a Milano, dove è andata in scena “Facciamola pulita”, l’iniziativa voluta dal comune per ripulire - insieme a migliaia di volontari - le mura delle scuole cittadine. Ma a far parlare di sé è stata soprattutto, o meglio quasi soltanto, l’assessore all’arredo urbano Carmela Rozza. 

La Rozza, infatti, presente in via Monviso, ha imbrattato con una striscia di vernice bianca un’Audi parcheggiata in divieto di sosta che ostacolava le operazioni di pulizia dei volontari. Il gesto, inevitabilmente, ha scatenato le reazioni sdegnate dell’opposizione che ha ricordato all’assessore come sia un “pubblico ufficiale” e ne ha chiesto le dimissioni. La Rozza, a sua volta, ha spiegato come il suo sia stato “un atto di ribellione ad un gesto di arroganza”. 

Polemiche e “ribellioni” a parte, però, quella di sabato è stata comunque una giornata positiva, soprattutto per la buona risposta della città, con quasi mille e cinquecento cittadini che hanno ripulito sessanta scuole e circa tredicimila metri quadri di facciate. 

L’impegno dei volontari è iniziato circa alle nove del mattino e si è protratto nel corso della mattinata. Cittadini, singoli, comitati e associazioni si sono mobilitati per rendere migliori le scuole della città e in alcune si continuerà a lavorare in serata e nella giornata di domenica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre mille milanesi fanno la città più bella: e l’assessore imbratta un’auto in divieto

MilanoToday è in caricamento