rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Assocasa lancia il “social cleaning”: quando il web influenza le pulizie di casa

Da una recente ricerca di Assocasa in collaborazione con Nielsen, è emerso che internet è ormai diventato il mezzo più usato per carpire suggerimenti e novità su prodotti e servizi; sono quasi 2 milioni i navigatori che visitano i siti dedicati alla cura della casa

Che gli italiani utilizzino sempre di più il web per ottenere informazioni e per condividere esperienze non è una novità. Ma è interessante scoprire come lo facciano anche per le loro pulizie di casa. Da una recente ricerca di Assocasa in collaborazione con Nielsen, è emerso che internet è ormai diventato il mezzo più usato per carpire suggerimenti e novità su prodotti e servizi; sono quasi 2 milioni i navigatori che visitano i siti dedicati alla cura della casa.

E lo fanno utilizzando non solo il tradizionale pc, ma anche e sempre di più con gli smartphone. Si parla di più di 7 milioni di italiani che partecipano attivamente alle discussioni online sul settore dei detergenti e 18 milioni sono coloro che leggono le opinioni degli altri utenti. Queste sono cifre destinate a crescere a dimostrazione di quanto il web possa influenzare le scelte dei consumatori.

Numerosi sono anche coloro che decidono di acquistare o meno un prodotto per la casa dopo aver letto un giudizio positivo o negativo su internet. Dall'analisi emerge anche che sono 20.000 i messaggi online incentrati sul mondo dei prodotti per la casa in un anno e i loro contenuti spaziano dai detersivi per i piatti a quelli per bucato, fino alla sempre più discussa sostenibilità. E dove possiamo trovare queste discussioni? Su forum, blog e sul sempre più seguito Twitter per le promozioni. E Assocasa si adegua ai tempi: sul sito assocasa.federchimica.itè possibile trovare numerose iniziative, tra le quali spicca il progetto web “Pulitie felici!” e il “Charter per una pulizia sostenibile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assocasa lancia il “social cleaning”: quando il web influenza le pulizie di casa

MilanoToday è in caricamento