rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Ecco dettagli e reazioni sull'aumento del biglietto Atm

Per Maran, in parte, l'aumento è obbligato dal governo che altrimenti avrebbe sanzionato il comune. Duro De Corato, più cauto Podestà

L'annunciato aumento del biglietto dell'Atm da 1 euro a 1,50 euro manda in sobbuglio la politica milanese. "Tasse, tasse e ancora tasse", tuonano dal centro-destra, mentre la maggioranza difende la decisione. Stando all'assessore Maran, il governo avrebbe potuto sanzionare il comune di Milano nel caso non avesse proceduto all'aumento.

Ma quali sono i dettagli del provvedimento? Come detto, il biglietto urbano passa da 1 euro a 1,50 euro, ma la sua validità aumenta da 75 a 90 minuti. Ciò converrà soprattutto a chi usa un solo biglietto per "andata-ritorno" per una commissione veloce, inciderà meno sui tempi di percorrenza casa-lavoro.

Gli over 70, in compenso, avranno l'abbonamento gratuito, a patto di avere un reddito Isee inferiore ai 16mila euro. Secondo i calcoli della giunta, è la metà degli over 70 milanesi. Tanto per fare una semplice simulazione, una coppia senza figli a carico che guadagna 30mila euro all'anno in totale, non ha case di proprietà e paga un affitto di mille euro al mese ha un reddito Isee di 15.818 euro. Invariato l'abbonamento annuale ordinario. L'altra importante modifica è il vecchio abbonamento studenti: sarà sempre under 26 ma sarà sottoscrivibile anche dai giovani lavoratori. Le altre variazioni saranno l'orario estivo limitato al solo mese di agosto, il potenziamento dei bus notturni da settembre 2011 e mezzi pubblici più veloci grazie ai semafori "intelligenti".

L'atto non passerà attraverso l'approvazione in consiglio comunale e avrà un incremento dell'introito stimato in 67 milioni di euro nel 2012, coprendo totalmente i 64 milioni di maggiori costi che Atm stima per l'anno prossimo. Secondo l'assessore Pierfrancesco Maran, "Quest'anno abbiamo avuto 37 milioni di euro di tagli sul trasporto pubblico locale. Poi il governo ha in parte restituito le risorse sui trasporti ma prevedendo sanzioni per chi non procede ad aumenti tariffari di almeno il 20%".

Stando ai calcoli dell'assessore, il taglio (se non si fosse proceduto all'aumento) sarebbe stato di circa 70 milioni di euro. "Anche il comune di Roma - ha scritto in una nota - ha aumentato il biglietto a 1,50 euro, con un incremento del 20% in quel caso". Maran aggiunge anche che con il prolungamento di M2 ad Assago e di M3 a Comasina e il primo tratto della M5 vi sarà un incremento dei costi di circa 27 milioni di euro.

Inoltre "questa manovra - ha sottolineato - ci dà solidità politica: perché il motivo per cui Regione e governo in questi anni hanno nicchiato sui finanziamenti è anche dato dal fatto che gli enti locali non avevano contribuito al trasporto pubblico, non facendo la propria parte". Cauto il commento del presidente della provincia Guido Podestà (Pdl): "Auspico - ha detto - che il maggior introito sarà utilizzato anche per prolungare determinate linee fuori Milano. Abbiamo atteso otto anni, troppi, per la M2 fino ad Assago. Tutti i comuni avvertono oggi la necessità di accelerare la realizzazione degli allungamenti verso l'esterno di Milano".

Più dura l'opinione di Riccardo De Corato: "Cercheremo - ha scritto in una nota - di contrastate questa sventagliata di gabelle che si scaricheranno sulle spalle dei milanesi". Il consigliere comunale di Sel Luca Gibillini ha invece difeso il provvedimento: "L'aumento del biglietto salverà Atm dopo che la regione ha tagliato 42 milioni di euro per i l trasporto milanese. Ma nel frattempo gli abbonamenti rimarranno invariati. Incentivare gli abbonamenti è la politica di tutti i paesi civili. I milanesi capiranno".

Anche nella bacheca di Facebook dell'assessore Maran qualcuno si lamenta. C'è chi scrive che il 50% in 10 anni è il 4,5% all'anno e che gli stipendi non sono aumentati della stessa percentuale, chi ipotizza che Tabacci (l'assessore al bilancio) abbia sostanzialmente scelto la via più facile, chi chiede di punire prima chi non paga ("prima facciamo pagare a tutti un euro e poi vediamo se è ancora necessario l'aumento"), chi chiede di concentrarsi sulle multe per rastrellare i soldi. Insomma, com'era ovvio l'aumento dei biglietti sta facendo discutere. E' probabile che abbia reso un po' impopolare la "giunta arancione". Di sicuro sarà una decisione onerosa per i milanesi e anche per i non milanesi. Starà ora alla capacità progettuale di Atm e dell'assessore Maran dimostrare che ne vale la pena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco dettagli e reazioni sull'aumento del biglietto Atm

MilanoToday è in caricamento