Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Autopsia Ferrulli: sembra "nessun segno di percosse"

Non sarebbero state le percosse subìte la causa della morte di Michele Ferrulli, 51enne deceduto dopo un controllo di polizia. Questo dalle indiscrezioni dell'autopsia. A breve gli esami istologici

Potrebbero non esserci "le percosse" come causa della morte di Michele Ferrulli, 51enne deceduto dopo un controllo di polizia in via Varsavia mercoledì 30 giugno 2011.

Secondo alcune indiscrezioni, infatti, i primi risultati dell'esame autoptico escluderebbero la presenza sul cadavere di importanti lesioni agli organi interni. Dall'esame, condotto dai medici legali Gentilomo e Burgazzi (nominati dal pm Gaetano Ruta) all'Istituto di medicina legale davanti ai periti nominati dalle parti (Solito per la famiglia Ferrulli e Ronchi per i quattro agenti indagati) sarebbero emerse fratture delle costole compatibili con il massaggio cardiaco eseguito per tentare di rianimare il 51enne. Per conoscere l'esatta causa del decesso bisognerà ancora attendere gli esami istologici.

Tuttavia il legale della famiglia Ferrulli, Fabia Lovati, pur confermando l'assenza di lesioni ad organi interni, ha parlato di "fratture alle costole e traumi cranici".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autopsia Ferrulli: sembra "nessun segno di percosse"

MilanoToday è in caricamento