Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca corso indipendenza

Morì annegato: lascia 5 milioni e mezzo in eredità al comune di Milano

L'avvocato Rinaldo Spataro, senza moglie né figli, ha lasciato quasi tutto il suo patrimonio a Palazzo Marino: "Questa città mi ha dato tutto", ha scritto nel Testamento

Palazzo Marino

Cinque milioni e 600 mila euro in eredità al comune di Milano, con un'unica nota: che sia destinato ad opere di beneficenza e assistenza ai bisognosi. E' il lascito di Rinaldo Spataro, avvocato deceduto nel 2014 quando aveva 74 anni. Tra i testamenti con il comune come beneficiario, si dice sia quello più "corposo". Come riferisce Repubblica, la motivazione di tanta generosità, scrive lui stesso, è che la città "mi ha dato tutto". 

Un legame forte con la città, quindi, alla base della scelta del professionista, che non ha moglie né figli. Molti gli immobili lasciati a Palazzo Marino: tra questi un grande appartamento (sei locali) jn corso Indipendenza, un trilocale a Cesano Boscone, un altro appartamento che ospitava lo studio di Spataro in via Visconti Venosta (zona Rotonda della Besana), ma anche un negozio e un box. Il comune di Milano, a dire il vero, non è il solo beneficiario del lascito. L'avvocato ha destinato anche una somma a chi si occuperà delle sue esequie e 50 mila euro a una vecchia "fiamma" di gioventù.

Spatarò trovò la morte il 28 giugno 2014, annegato nella Muzza nella zona di Cornegliano Laudense (Lodi), dove era solito nuotare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì annegato: lascia 5 milioni e mezzo in eredità al comune di Milano

MilanoToday è in caricamento