rotate-mobile
Cronaca

Tolta la potestà al padre del bambino che ruba cellulari

Induzione al furto: con questa accusa l'uomo è a San Vittore. I due figli (di 3 e 10 anni) sono invece in una comunità protetta

Ultimo atto della vicenda del padre 40enne che insegnava al figlio più grande, di 10 anni, a rubare i cellulari: gli è stata tolta la potestà. L'uomo è stato arrestato dalla polizia locale il 21 agosto, subito dopo un furto del telefono all'interno di un bar in zona via Padova. Il giorno precedente il bambino aveva tentato di rubare un telefonino da 8mila euro all'interno della boutique di Vertu, in via Montenapoleone, ma il furto era stato sventato da un commesso. Grazie alle telecamere di sorveglianza si era capito che il bimbo non agiva da solo, ma il padre - insieme all'altro figlio di 3 anni - distraeva gli addetti per facilitare le operazioni.

In poche parole, dunque, l'uomo induceva il figlio a rubare. Il tribunale dei minori ha quindi limitato l'esercizio della sua potestà, mentre l'uomo si trova a San Vittore. I bambini, invece, si trovano già in una comunità protetta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tolta la potestà al padre del bambino che ruba cellulari

MilanoToday è in caricamento