menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

Bimbo tenta di buttarsi dalla finestra della scuola durante le prove della recita di Natale

Il giovane ha alle spalle una complicata situazione famigliare. Il caso è nelle mani del tribunale

Ha tentato di lanciarsi dalla finestra ma è stato fermato e tratto in salvo dalle maestre. Tragedia sfiorata nella mattinata di martedì 17 dicembre in una scuola elementare della periferia Nord-Ovest di Milano.

Tutto è accaduto intorno alle 11.30 mentre la classe del bimbo — al primo piano del plesso scolastico — stava provando la recita di Natale. Il piccolo ha avvicinato la sedia al davanzale della finestra, ci è salito sopra e ha fatto in tempo ad appoggiare la gamba sul davanzale, quasi per buttarsi giù. In pochi attimi le maestre si sono accorte di quello che stava succedendo e lo hanno fermato. È subito scattato l'allarme, sul posto è intervenuta un'ambulanza in codice giallo, oltre una volante della Questura di Milano. E sul caso sono scattati gli accertamenti del tribunale dei minorenni.

Il bimbo ha borbottato a soccorritori e agenti di essere stato "maltrattato" da un insegnante ma il tribunale dei minorenni ha scoperto quasi subito che il problema era un altro.

Una situazione famigliare complicata

I pm hanno un fascicolo aperto per maltrattamenti nei confronti del padre. A maggio del 2019 il piccolo era stato affidato ai servizi sociali con limitazione della responsabilità dei genitori e collocato, con assistenza domiciliare quotidiana, a casa della mamma. Il bambino, tuttavia, fino a martedì ha vissuto a casa dei nonni paterni dove incontrava spesso il padre. Il motivo? La donna aveva lasciato Milano per trasferirsi in una città del centro Italia affidando il figlio ai genitori dell'ex compagno, contrariamente a quello che aveva stabilito il tribunale.

Sul caso è intervenuto il tribunale che ha emesso un provvedimento di urgenza: per il momento il bimbo resterà in ospedale e saranno evitati gli incontri con il padre e con gli altri parenti. Nei prossimi giorni verrà deciso se affidarlo a una comunità o alla madre.

Secondo quanto trapelato pare che già in passato il piccolo avesse pronunciato frasi come "voglio morire" o "voglio andare via".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    La Lombardia è pronta a diventare zona gialla: oggi la decisione

  • Coronavirus

    Come cambia la vita con la zona gialla in Lombardia, da lunedì

  • Coronavirus

    Come riaprono bar e ristoranti a Milano (anche per cena e aperitivo)

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento