Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Musocco / Piazzale Cimitero Maggiore

La bandiera della Rsi rimossa dal campo 10 del cimitero Maggiore

Lo ha chiesto l'Anpi: il sì del consiglio di zona e dell'assessorato. De Corato: "Sindaci partigiani come Aniasi non l'avrebbero fatto"

Un'immagine del campo 10 (foto associazione-memento.org)

Rimossa la bandiera della Repubblica di Salò (Repubblica sociale italiana) dal campo 10 del cimitero Maggiore. Nel campo 10, dopo la guerra, sono stati sepolti 1.432 tra soldati "repubblichini" e civili fascisti. La bandiera è stata rimossa sulla base della cosiddetta Legge Mancino del 1993, che punisce l'utilizzo di simbologie riconducibili a fascismo e nazismo.

"Era una vergogna e ammainarla un atto dovuto", ha commentato Simone Zambelli, presidente del consiglio di zona 8 (quello del cimitero) ed esponente di Sel: "Rappresentava la deportazione degli ebrei, la collaborazione dei fascisti ai crimini di guerra perpetrati dai nazisti a danno dei civili italiani e la fucilazione di tanti connazionali". Il centrodestra è di altro avviso: "Sindaci partigiani combattenti, come Antonio Greppi e Aldo Aniasi, mai avrebbero tollerato un gesto simile, rispettosi come erano della memoria dei vinti", ha affermato Riccardo De Corato (Fdi).

A chiedere la rimozione della bandiera, rivolgendosi sia al consiglio di zona sia all'assessorato ai servizi cimiteriali, è stata l'Anpi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La bandiera della Rsi rimossa dal campo 10 del cimitero Maggiore

MilanoToday è in caricamento