Droga, clienti pregiudicati, risse sanguinose e titolari "complici": due bar chiusi dalla polizia

Il Questore di Milano ha chiuso per sette giorni un bar in città e uno a Cesano Boscone

Sette giorni di stop per due bar di Milano e provincia. I sigilli sono scattati su richiesta del Questore, Marcello Cardona, che ha considerato i due locali "pericolosi per la sicurezza dei cittadini" e ne ha disposto la sospensione della licenza "al fine di evitare la reiterazione dei comportamenti illeciti e violenti da parte dei suoi frequentatori". 

Il primo locale a chiudere è stato il "Bar Cafè Francois" di via delle Forze Armate, la cui saracinesca è stata abbassata venerdì 7 settembre. Durante cinque controlli a sorpresa nel bar - tra aprile e luglio - i poliziotti hanno sempre trovato all'interno clienti con vecchi problemi con la giustizia. Il 24 luglio scorso, invece, proprio uno dei clienti era stato fermato e denunciato nel locale. 

L'uomo, un 72enne con precedenti, era stato avvisato dalla moglie del titolare - denunciata per favoreggiamento - dell'arrivo della polizia ed era scappato dalla finestra del bagno, per poi nascondersi tra le piante. Lì, gli agenti lo avevano bloccato e lo avevano trovato in possesso di oltre sei grammi di cocaina e 1.045 euro in contanti. 

Saracinesca giù da venerdì anche per il "Bar Cai Lili" di via Roma a Cesano Boscone. Le luci del Questore sul locale - solitamente frequentato da pregiudicati - si sono accese il 24 luglio scorso, quando il bar era stato teatro di una violentissima lite tra alcuni degli avventori. I carabinieri, allertati dal 118, avevano trovato nel bar sedie rovesciate, tavoli ribaltati e tracce di sangue dentro e fuori la struttura. Ad avere la peggio era stato un uomo ferito con una bottiglia di vetro che era stato trasportato d'urgenza in ospedale. 

Ad assistere alla rissa erano stati alcuni clienti, tutti pregiudicati, che alla vista dei militari - che erano riusciti a riconoscerli - erano sfuggiti. Gli stessi militari avevano anche ascoltato la titolare e il marito, che però avevano tenuto la bocca cucita sulla lite e sulle persone coinvolte. 

I due bar adesso dovranno restare chiusi per una settimana. La stessa sorte, da inizio anno, è toccata già ad altri 66 locali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

Torna su
MilanoToday è in caricamento